Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

“L’EDICOLANTE DI CHARLIE” di Anaïs Ginori

26 Ottobre 2016

Incontri letterari

26 Ottobre 2016

Patrick gestisce l’edicola di Saint-Germain-des-Prés. Ogni mattina i disegnatori Cabu e Woliński passano da lui a comprare i giornali prima di andare al lavoro. Succede anche il 7 gennaio 2015: i due poi si avviano verso la redazione di Charlie Hebdo. E poi l'attacco, gli spari, la fuga dei terroristi. Anaïs Ginori racconta le straordinarie coincidenze di questa tragedia che ha cambiato il volto della Francia e ce ne dà una lettura affascinante. L’edicolante di Charlie, a partire dalla cronaca di quel 7 gennaio, ci narra infatti anche  la paradossale rinascita dell’”età della carta” e, mentre un giornale piange i suoi morti, la resistenza miracolosa della stampa contro la barbarie. Un’inchiesta piena di rivelazioni, riflessioni, testimonianze.

Hanno scritto in Francia di questo libro:

 “Una storia incredibile che nessuno sceneggiatore avrebbe osato inventare. Anaïs Ginori è stata una delle prime giornaliste ad arrivare sul luogo dell’evento. Il suo racconto si distingue per la sobrietà, la chiarezza e la continua emozione.” (Jérôme Garcin, L'Obs)

 “Un racconto soggettivo senza alcuna intenzione di spettacolarizzare i fatti. Lo stile è sobrio, talvolta commovente, ma non cede mai al pathos.” (Gaïdz Minassian, Le Monde)

 “Un libro esplosivo, una storia della carta stampata bella e commovente.” (Julien Rebucci, Les Inrocks)

 “Un testo forte, sconvolgente, che tiene col fiato sospeso. A metà tra un documento d’attualità e un romanzo poliziesco, L’edicolante di Charlie è la storia vera, vista dall’interno, dei sette terribili giorni che la Francia ha vissuto nel gennaio del 2015.” (Gérard Collard, La Griffe Noire)

 

“L’edicolante di Saint-Germain come filo rosso di un racconto sobrio e terribilmente toccante, nel quale s’intrecciano frammenti di storia personale e una vera e propria ode alla carta stampata.” (Alexandra Schwartzbrod, Libération)

 “Il racconto è sobrio e soggettivo. Non ammicca ma cattura l’attenzione. L’Edicolante di Charlie è una magnifica dichiarazione d’amore alla carta stampata e a chi vi lavora.” (Cyril Petit, JDD)

 “Brillante e personale.” (Patrick Cohen, France Inter).

 “Un piccolo libro generoso, puntuale e ben scritto. È l’occasione per mettere in discussione la scelta della carta di fronte al flusso dell’informazione digitale e televisiva, di mettere in discussione la forza di queste prime pagine di giornale che invogliano ad acquistare un libro al quale nessuno aveva pensato e rendere omaggio al ruolo dell’edicolante.” (Sonia Devillers, France Inter)

“Anaïs Ginori rievoca questi eventi con commovente umanità e un grande gusto per la narrazione. Oltre a descrivere i fatti, tratteggia un quadro intriso di tenerezza dell’universo della carta stampata e delle edicole.” (Guillaume Goubert, La Croix)

Presentano il libro Eva Giovannnini e Carlo Bonini - Interviene l'autrice

 

 

 

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Appuntamento: ore 18.30 Associazione Civita- Sala Gianfranco Imperatori (V° piano)

Piazza Venezia, 11 - Roma

 

Prenotazioni e informazioni a promozioneculturale@civita.it