Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Il crowdfunding per i borghi d’Italia

AssitecaCrowd società controllata dal gruppo Assiteca, quotato in Borsa Italiana segmento AIM, ha lanciato con l’Associazione Italiana dei Borghi più belli d’Italia una serie di iniziative di raccolta attraverso lo strumento del crowdfunding finalizzate a sostenere la strutturazione e la riorganizzazione di spazi culturali all’interno dei borghi certificati dall’associazione. L’accordo, stipulato anche con la società “Borghi Servizi e Ambiente” e finalizzato a valorizzare il grande patrimonio storico, artistico e culturale dei piccoli centri italiani attraverso un innovativo strumento di finanziamento, è stato presentato recentemente a Milano. All’incontro, oltre all’amministratore delegato di AssitecaCrowd Tommaso D’Onofrio e al presidente dell’Associazione “I Borghi più belli d’Italia” Fiorello Primi, hanno preso parte i sindaci dei primi borghi individuati per la raccolta di fondi con il crowdfunding. I progetti presentati dai comuni sono stati selezionati sulla base di una serie di parametri di impatto sociale e di comunicazione nazionale e internazionale associabili all’iniziativa di crowdfunding.
Si parte con Furore, splendida terrazza sulla costa d’Amalfi, San Benedetto Po dove si promuoverà la ristrutturazione e la riorganizzazione dell’infermeria monastica del famoso monastero Benedettino e infine, ma non meno importante, con Laigueglia per il finanziamento di un progetto di rilancio di una struttura a favore delle famiglie e dei bambini.
Si tratta di un progetto straordinario per la valorizzazione dei borghi italiani – spiega Tommaso D’Onofrio, Amministratore Delegato di AssitecaCrowd – il meccanismo del civic crowdfunding si avvia anche in Italia, come già avvenuto in altri Paesi a diventare strumento di crescita delle comunità e valorizzazione del territorio.”
“È un’ulteriore occasione che viene offerta ad alcuni dei Borghi certificati come Più Belli d’Italia per migliorare la già eccellente qualità architettonica, paesaggistica e storico-culturale. L’obbiettivo della nostra associazione è proprio quello di favorire, con interventi mirati, il miglioramento della qualità della vita dei residenti e dell’offerta turistica. Il civic crowdfunding è uno straordinario strumento per il raggiungimento di questi obiettivi” aggiunge Fiorello Primi, presidentedell’Associazione I Borghi Più belli d’Italia.
Il dettaglio dei progetti con le modalità per sostenerli si trovano sul sito http://www.assitecacrowdonor.com/civic/