Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Nuovi Musei, nuova comunicazione

Il 24 novembre scorso si è svolto, presso la sede romana di Civita, il workshop “Nuovi Musei, nuova comunicazione” promosso dall’Associazione Civita.
Dopo i saluti di apertura da parte di Emmanuele Francesco Maria Emanuele, Vice Presidente Associazione Civita, e una introduzione di Pietro A. Valentino, Vice Presidente Comitato Scientifico Associazione Civita e co-curatore del X Rapporto Civita, all’incontro moderato da Gianluca Comin, Founding Partner Comin and Partners, sono intervenuti Lara Anniboletti, Responsabile Social Media Soprintendenza Pompei, Prisca Cupellini, Responsabile Digital Fondazione MAXXI, Francesca Spatafora, Direttore Museo archeologico regionale “Antonino Salinas” di Palermo, Daniele Chieffi, Responsabile ufficio stampa web, social media management e reputation monitoring ENI, Nicolette Mandarano, Esperta di comunicazione digitale del patrimonio culturale. Le conclusioni del workshop sono affidate a Nicola Maccanico, Vice Presidente Vicario Associazione Civita.
A seguito della pubblicazione e della presentazione del suo X Rapporto “#SOCIALMUSEUMS. Social media e cultura fra post e tweet”, incentrato sul rapporto fra social media e mondo della cultura, l’Associazione Civita, attraverso questo workshop, promuove un nuovo momento di confronto sul modo in cui l’utilizzo delle tecnologie social abbia inciso sull’organizzazione dei musei stessi e quali sono le modalità per verificarne l’efficacia.
Per i grandi musei pubblici italiani, la “riforma Franceschini” non ha previsto unicamente la nomina di nuovi direttori ma ha interessato anche la governance, i servizi offerti e la propria autonomia, richiedendo loro un arricchimento, in misura sempre maggiore, dei fruitori reali o virtuali e, di conseguenza, l’adozione di incisive e mirate attività di marketing. Cogliere le potenzialità offerte dai social media diviene quanto mai necessario per i nostri musei, in particolare per istituzioni ed operatori culturali che intendano orientare il proprio operato verso una comunicazione multidirezionale e multicanale volta ad un dialogo attivo con il proprio pubblico.
Ad oggi, l’utilizzo dei social come mezzo per entrare in relazione con i propri pubblici o per attrarre visitatori non sembra costituire, per i nostri musei, un obiettivo strategico e rilevante; una realtà, questa, dovuta alla poca esperienza finora accumulata nonché dalla difficoltà di associare una piattaforma ad obiettivi specifici e, di conseguenza, monitorarne gli impatti quali/quantitativi. Sono, pertanto, i social multifunzionali, quali Facebook, Twitter e Google+ (seguiti ad una certa distanza da Instagram, Pinterest e YouTube) quelli ritenuti più efficaci dai musei ed utilizzati, in particolare, per stimolare la creazione di contenuti autocreati (user generated content), favorire l’apprendimento ed arricchire la fruizione o condividere i contenuti.
Insieme con alcune realtà museali che, per prime, si sono confrontate con questo nuovo approccio, il punto di vista degli esperti e di coloro che, anche se in settori differenti da quello museale, hanno sperimentato le potenzialità offerte dai social, l’incontro si propone di fare il punto sugli impatti organizzativi e gestionali dei musei a fronte dell’utilizzo dei social media e di mirate attività di marketing e comunicazione. Un’azione centrale, ad oggi, per trasformare i nostri musei in protagonisti del tessuto economico e sociale delle città, conferendo loro ancora più forza per generare inclusione, coinvolgimento e partecipazione attiva.
Come emerso dal X Rapporto Civita, per dare l’avvio a tali processi, risulta quanto mai necessario intervenire, in maniera prioritaria, sui seguenti fronti:
- in termini di politiche museali, vanno promosse quelle che abbiano quale priorità il rafforzamento delle relazioni con i fruitori e l’attrazione di nuovi pubblici, in linea con  una nuova visione del museo, dando vita a quello che è stato definito il “museo relazionale” o, nel contesto statunitense, the participatory museum, enfatizzandone l’aspetto dinamico e interattivo;
- riguardo alle professionalità addette alla comunicazione museale, occorre prevedere opportuni investimenti affinché acquisiscano un’adeguata preparazione tanto sulle caratteristiche delle diverse piattaforme - in modo da effettuare scelte coerenti con gli obiettivi che l’organizzazione si pone - quanto sui linguaggi “semplici e informali” da adottare nell’uso di tali canali. Per far fronte ai costi di investimento e gestione necessari all’acquisizione di personale qualificato, una valida risorsa risiede nell’uso integrato di fondi nazionali comunitari (Agenda Digitale, Horizon 2020, Erasmus+, Industria Creativa ecc) nonché  la realizzazione di partenariati europei orientati al sostegno di progetti di innovazione tecnologica;
- le istituzioni museali, infine, devono accrescere il proprio ruolo identitario e valoriale, a garanzia della qualità della cultura trasmessa e a favore di una redistribuzione dell’accesso alla conoscenza, valutando pregi e difetti rispetto ai propri obiettivi. Al contempo, i nostri musei, devono essere messi in grado di dare l’avvio ad una progettualità innovativa, volta da ottimizzare le funzioni delle piattaforme social in linea con le esigenze del museo stesso ma anche, e di comune accordo, con quelle di centri di ricerca e imprese innovative del settore.
In occasione del workshop è stata distribuita copia del X Rapporto Civita edito da Silvana Editoriale.
Per informazioni e prenotazioni: 06692050221 - civitafa@civita.it

Riferimenti

Convengo: “Nuovi Musei, nuova comunicazione”
Roma, Giovedì 24 novembre 2016, ore 10.00
Associazione Civita, Sala Gianfranco Imperatori
Piazza Venezia 11

Allegati