Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

La Via della Misericordia nel Lazio. Immagini e riflessioni nell’anno del Giubileo e dei Cammini

18 ottobre 2016

Altri eventi

Promotore: Earth Italia, Associazione Europea delle Vie Francigene, Festival Europeo della Via Francigena – Anno dei Cammini, con il patrocinio di Regione Lazio e in collaborazione con Associazione Civita

Il 18 ottobre 2016 si è tenuto a Roma, presso la sede dell’Associazione Civita, l’evento di presentazione della mostra itinerante  “LA VIA DELLA MISERICORDIA NEL LAZIO. Immagini e riflessioni nell’anno del Giubileo e dei Cammini”. L’evento è stato promosso da Earth Italia, Associazione Europea delle Vie Francigene, Festival Europeo della Via Francigena – Anno dei Cammini, con il patrocinio di Regione Lazio e in collaborazione con Associazione Civita.
Dopo i saluti di apertura di Massimo Tedeschi, Presidente Associazione Europea delle Vie Francigene, e di Quirino Briganti, Regione Lazio, Coordinatore regionale degli Eventi storico, turistico e culturali del Giubileo, sono intervenuti all’incontro Carlo Felice Casula, Storico e Ordinario di Storia Contemporanea Università Roma 3 e Direttore scientifico Archivio Fondazione Internazionale “Don Luigi Di Liegro”, Gioacchino Giammaria, Presidente dell’Istituto di Storia e di Arte del Lazio Meridionale, Pietro Messa, Preside della Scuola Superiore di Studi Medievali e Francescani della Pontificia Università Antonianum.
Le conclusioni dell’evento, coordinato da Sandro Polci, Direttore del Festival Europeo della Via Francigena – Anno dei Cammini e curatore mostra, sono state affidate a Rita Visini, Assessore alle Politiche Sociali della Regione Lazio.
La mostra itinerante, a cura di Sandro Polci e presentata in occasione dell’evento, ha voluto promuovere il Giubileo della Misericordia, il sistema dei Cammini del Lazio, il grande impegno di associazioni, camminatori, comuni e istituzioni e rafforzare la rete di relazioni, solidarietà e condivisione che i cammini creano.