Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

PERCHE’ FINISCE UN AMORE di P. Crepet e A. Arachi

03 Giugno 2019

Incontri letterari

03 Giugno 2019

«Quando il nostro amore finisce sembra che soltanto noi stiamo pre­cipitando nel vuoto, ma la vita inse­gna che ci si può rialzare e che ogni storia d’amore rappresenta tutti.»

Ci sono amori che quando finiscono ti sca­raventano in un baratro, senza appigli per venirne fuori. Non ti sostengono il confor­to degli amici né le spiegazioni che provi a darti. Puoi solo raccogliere ogni briciola di coraggio rimasta e trovare la forza di alzare lo sguardo cercando una luce.

Cosa hanno in comune una moglie e un’a­mante? Un timido ragazzo di provincia e una donna andata in sposa a un generale dalle mille stellette? Sono uomini e donne che hanno sofferto per amore con «storie diverse per gente normale», come avreb­be cantato Fabrizio De André.

In queste pagine s’intrecciano i grovigli dolorosi di Paola, Domitilla, Tommaso e Carla: raccolti da Alessandra Arachi e interpretati da Paolo Crepet per scanda­gliarne la mente e i comportamenti. Un racconto denso e articolato in cui gli au­tori scelgono di stare dalla parte in ombra dell’amore, quella parte di cui altrimenti finisce per occuparsi solo la cronaca nera.

I due autori scavano nel vissuto dei prota­gonisti nel tentativo di aiutare loro a capi­re il significato delle sconfitte e noi tutti a riconoscerci e a ritrovare noi stessi. Per­ché la vita è un lavoro duro, soprattutto quando si cade e quando di mezzo ci sono i nostri sentimenti, la parte più fragile e sconosciuta della nostra anima.

PAOLO CREPET è psichiatra e sociologo. Tra i suoi ultimi libri ricor­diamo: L’autorità perduta (2011), Elogio dell’amicizia (2012), Impara a essere felice (2013), Il caso della donna che smise di man­giare (2015), Baciami senza rete (2016), Il coraggio (2017) e Passione (2018).

ALESSANDRA ARACHI è giornalista per il «Corriere della Sera». È autrice di Briciole (1994), da cui è stato tratto un film, Leoncavallo Blues (1995), Lunatica. Storia di una mente bipolare (2006), Coriandoli nel deserto (2012) e Non più briciole (2015). 

Presenta Serena Bortone

Saranno presenti gli autori 

  

Ingresso libero fino ad esaurimento posti - E’ consigliata la prenotazione

Appuntamento: ore 18.30 Associazione Civita- Sala Gianfranco Imperatori (V° piano)

Piazza Venezia, 11 – Roma

 

Prenotazioni e informazioni a promozioneculturale@civita.it