Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Analisi dei servizi aggiuntivi per tipologia - Serie storica

07 Agosto 2008

Centro Studi e Ricerche

Nel periodo considerato (1998-2007), l’ammontare di clienti (calcolato sul numero di scontrini emessi per ciascun servizio) è progressivamente aumentato, con due uniche variazioni negative piuttosto modeste (–0,02 e –0,88) rispettivamente nel 2003 e nel 2007. Da poco più di 2,7 milioni di scontrini emessi nel 1998, si è passati a circa 9,3 mln nel 2007.

Molto variegati sono i dati relativi agli introiti delle singole tipologie di servizi: in assoluto il bookshop è l’attività che ha conseguito la maggior remunerazione (nel 2007 si attesta sui 21 milioni di euro), anche se presenta un calo rispetto al 2006 del 6%; in flessione più netta (-34%) gli introiti da ristorazione.

Se le visite guidate rimangono sostanzialmente costanti, tutte le restanti tipologie sono in aumento.

La spesa media che ciascun acquirente dei servizi aggiunti ha effettuato fra il 1998 e il 2007 si è ridotta di circa l’11% (nel 1998 ammontava a circa 5,16 euro, mentre nel 2007 si riduce a circa 4,60 euro). In particolare, si rileva che la crescita dei ricavi totali è progredita più lentamente del numero degli acquirenti.

Come si evince dal Grafico 3., considerando l’ammontare dell’importo medio procapite speso per i singoli servizi, si nota un andamento nel tempo piuttosto regolare, tranne nel caso della ristorazione/self-service, che presenta oscillazioni assai marcate, comprese fra i 12 e i 24 euro.

Allo scopo di permettere una valutazione più approfondita della performance storica di ciascun servizio in termini di domanda e introiti, sono stati effettuati due tipi di elaborazioni, illustrati nei grafici seguenti:

- rilevazione e rappresentazione grafica del trend relativo alla quota di pubblico che fruisce dei diversi servizi (rapporto % fra acquirenti e visitatori);

- realizzazione di un indice a base 100 che permetta il confronto, a partire dall’anno 1998, fra l’andamento degli incassi, degli acquirenti e del pubblico di visitatori.