Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Analisi del turismo nelle città d'arte - Napoli (2007)

19 Dicembre 2008

CSR

Nella città di Napoli il 2007 ha fatto registrare 885mila arrivi turistici (con un incremento del 2% rispetto all’anno precedente), mentre le presenze, con circa 2 milioni, hanno subito una speculare flessione del – 2% rispetto al 2006.

Da un’analisi storica del movimento turistico nella città emerge un dato importante: ad un aumento generale degli arrivi corrisponde una sostanziale diminuzione nelle presenze: dal 2002 al 2007 i primi sono aumentati del 12%, mentre le seconde (malgrado il picco registrato nel 2004) sono calate mediamente del 6%. Tale fenomeno trova spiegazione nel fatto che la permanenza media nel 2007 si è attestata sulle 2,3 giornate, riducendosi del 21% rispetto al 2002.

In termini di servizi ricettivi, si osserva come i turisti tendano a concentrarsi in particolare nel settore alberghiero (che ha registrato 1,9milioni di presenze di cui il 53% straniero a fronte delle 115mila dell’extralberghiero).

Le elaborazioni che seguono illustrano il trend di arrivi e presenze nell’ultimo quinquennio, relativo ai servizi ricettivi. Allo scopo di far emergere con maggior chiarezza il comportamento turistico, è stato costruito un indice a base 100 a partire dall’anno 2002. Come si osserva dai grafici 2 e 3, soprattutto dal 2005, appare un fenomeno particolare: a fronte di un incremento negli arrivi si registra una diminuzione delle presenze. In questo senso, Napoli viene vissuta sempre più come meta turistica ma è ritenuta poco adatta per il pernottamento.

Come anticipato, il decremento delle presenze è confermato dalla diminuzione della permanenza media. Nel grafico 4 si osserva che nel quinquennio esaminato, questa è passata da 2,8 giorni a 2,3 e la contrazione ha interessato sia il turismo nazionale che quello straniero, il quale negli ultimi 2 anni è sceso drasticamente.

In termini di stagionalità non emergono particolari elementi di riflessione. I mesi che vanno da aprile a settembre risultano essere i favoriti per la visita della città, mentre ottobre segna il mese il picco di presenze (circa 10.000).