Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Alla Biblioteca Chigiana

Dal 25 settembre 2012 la Biblioteca Chigiana della Presidenza del Consiglio dei Ministri, riservata finora esclusivamente all'utenza interna, è aperta anche al pubblico esterno autorizzato.
Gli utenti possono accedere alla Sala delle Colonne in via della Mercede 96 a Roma, dove è consultabile, in particolare, il patrimonio bibliografico nei settori della bioetica, delle biotecnologie e delle scienze della vita.
I frequentatori hanno comunque a disposizione l'intero patrimonio bibliografico posseduto dalla biblioteca, le banche dati informatiche attive e possono usufruire dei servizi di “document delivery” e di prestito interbibliotecario.
L'apertura è indirizzata a docenti, ricercatori e studiosi. Sono ammessi anche gli studenti, previa presentazione del proprio insegnante.
L'accesso è consentito il martedì, il giovedì e il venerdì, dalle ore 10 alle 16. Le richieste di accesso, indirizzate al dirigente responsabile della biblioteca Chigiana, devono essere inviate alla mail: bibliotecachigiana@governo.it
La biblioteca Chigiana utilizza, per la catalogazione del proprio patrimonio librario, la soluzione software “Sebina” che, leader nel settore bibliotecario, è stata realizzata da Data Management Pa Solutions.
L’azienda da tempo porta avanti il suo sforzo di interpretare i sogni delle istituzioni culturali e suggerire loro un futuro “smart”, in linea con il loro ruolo di luoghi capaci di aggregare pensieri e competenze, dove far convergere voci diverse per esprimere valori, contenuti, domande, risposte. In un momento in cui tanto si parla di smart city e di miglioramento della qualità della vita dei cittadini, le biblioteche sono parte essenziale di un nuovo vivere, fatto di partecipazione, coinvolgimento, condivisione. Altro non è che il ruolo sociale della biblioteca. Ed è proprio da questo ruolo, dall’aprirsi sempre di più ad un dialogo con i cittadini che faccia comprendere fino in fondo il valore del servizio offerto, che le biblioteche possono coprire i vuoti creati dalle difficoltà che la crisi porta nella vita di molti ed essere punto di riferimento e di accoglienza.