Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Il design di Luceplan incontra il gusto di Eataly

Inaugurato il 21 giugno 2012 nell'ex Terminal Ostiense, Eataly Roma è un megastore dedicato all'eccellenza agroalimentare italiana: il diciannovesimo, ed anche il più grande, della catena di punti vendita aperti nel mondo dall'imprenditore Oscar Farinetti. Eataly Roma ospita, su una superficie complessiva di circa 17mila metri quadrati articolata su quattro piani, 23 punti ristoro e degustazione, negozi, laboratori gastronomici e un auditorium di 300 posti.
Per l'illuminazione, la scelta si è orientata sui prodotti a tecnologia LED e a basso consumo energetico di Philips e di Luceplan, azienda che con i suoi innovativi apparecchi luminosi, insigniti di importanti premi e riconoscimenti internazionali, è entrata a pieno titolo nella storia del design 'made in Italy'. In particolare, nella suggestiva area d'ingresso sono state installate cinque composizioni di lampadari Hope che, sospesi per 15 metri, illuminano ogni piano della struttura. Queste sfavillanti e ultraleggere creazioni luminose, progettate nel 2009 da Francisco Gomez Paz e Paolo Rizzatto, in soli due anni si sono aggiudicate numerosi premi tra cui il Compasso d'Oro ADI, il Premio dei Premi per l'Innovazione, il premio Red Dot e il Good Design Award.
Nei salottini di lettura, spiccano le eleganti lampade da terra Grande Costanza e Lady Costanza, icone intramontabili del design create da Paolo Rizzatto. Mentre la zona internet è dotata di lampade da tavolo Bap LED, ideate da Paolo Rizzatto e Alberto Meda per illuminare le postazioni di lavoro con computer.
Le aree dedicate alla ristorazione, ubicate al terzo piano, sono illuminate dalle lampade Costanza e Costanzina, nonché dalle innovative lampade a sospensione Archetype firmate dallo studio danese Goodmorning Technology, geniale apparecchio a luce LED che si avvita come una lampadina, vincitore del premio Red Dot 2012. Al quarto e ultimo piano, nel lussuoso ristorante Italia, risplende un lampadario Hope del diametro di due metri. L'illuminazione delicata e soffusa del centro congressi è garantita dalle lampade a sospensione Pétale, corpi illuminanti che hanno la prerogativa di essere anche fonoassorbenti, disegnati dall'architetto francese Odile Decq, autrice del Museo Macro di Roma.
Da segnalare anche la presenza degli apparecchi a sospensione Mini Mini di Habits Studio, nell'area consacrata alla degustazione dei vini, e Queen Titania di Alberto Meda e Paolo Rizzatto, nella caffetteria. La preferenza accordata da Eataly all'innovazione luminosa e sostenibile rappresentata dagli apparecchi di Luceplan conferma e consolida una comune vocazione alla qualità del saper fare che trova ancora in Italia i suoi interpreti d'eccellenza.