Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

“Roma eterna”, la collezione Santarelli in mostra a Mendrisio

Sempre prolifica l’attività della Fondazione Dino ed Ernesta Santarelli Onlus, che giunta ormai all’undicesimo anno di vita, è impegnata in numerose e significative iniziative in programma tra la fine del 2015 e il 2016.
 La più importante manifestazione internazionale a cui partecipa la Fondazione, la mostra “Roma eterna”. Capolavori di scultura classica. La collezione Santarelli, in programma fino al 31 gennaio 2016 al Museo d’arte Mendrisio, presenta sculture, dall’età imperiale romana fino a quella neoclassica, provenienti dalla collezione della Fondazione Santarelli di Roma. La rassegna, curata dal Museo d’arte Mendrisio in collaborazione con la Fondazione Dino ed Ernesta Santarelli e con l’Antikenmuseum Basel und Sammlung Ludwig di Basilea, è la seconda tappa di un cammino che ha già toccato nello scorso anno il museo basilese e giunge in Ticino con un rinnovato percorso espositivo e un allestimento appositamente creato dall’architetto Mario Botta. La mostra propone sessantacinque sculture in marmo, alabastro e porfido e quindici frammenti lapidei, che spaziano dal I secolo a.C. al XIX secolo e che ben testimoniano l’evoluzione del gusto e della tecnica plastica attraverso il tempo e all’interno delle specifiche iconografie di riferimento.
 Dopo le tre prestigiose mostre su Cleopatra a Roma, nel chiostro del Bramante (12 ottobre 2013-9 febbraio 2014), a Parigi, alla Pinacothèque de Paris (10 aprile-7 settembre 2014) e a Singapore, al Fort Canning Park (29 maggio-11 ottobre 2015), la mostra sarà ospitata a Madrid, al Centro de Arte Canal (2 dicembre 2015-8 maggio 2016) con una nuova selezione di opere della Fondazione afferenti al mito dell’ultima regina d’Egitto: nove opere di cui tre gemme, già in comodato ai Musei Capitolini di Roma.
 Entro dicembre vedrà la luce infine il volume “Ritratti e rilievi” a cura di Massimiliano Papini, che sarà il primo di sei volumi su “Le opere dalla Fondazione Dino ed Ernesta Santarelli”. Il volume, dedicato alle antichità, contiene le schede di numerose opere tra ritratti, rilievi funerari e altri di area geografica e di natura varia. Le schede sono firmate da un gruppo di studiosi che comprende alcuni dei più noti docenti e specialisti di scultura e ritratto romano come Eugenio La Rocca, Elena Ghisellini e Matteo Cadario, oltre al curatore stesso.
 Per info: www.fondazionesantarelli.it