Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Dalla pittura antica all'arte contemporanea

La prima attività sostenuta nel 2019 è la mostra “Gli animali nell’arte. Dal Rinascimento a Ceruti” a Palazzo Martinengo a Brescia.Le sale di Palazzo Martinengo a Brescia accolgono fino al 9 giugno 2019 un evento unico nel suo genere che documenta, attraverso oltre 100 capolavori, come la rappresentazione degli animali abbia trovato ampia diffusione nell’arte tra XVI e XVIII secolo. La mostra, a cura di Davide Dotti, trasforma la storica residenza cinquecentesca nel cuore della città in un ideale “zoo artistico”, che consente al visitatore di comprendere come l'animale abbia da sempre avuto un ruolo fondamentale nella grande pittura antica.Con la seconda sponsorizzazione alle mostre di Chiara Dynys il Gruppo Cremonini si rivolge anche all’arte contemporanea. Chiara Dynys è nata a Mantova e lavora a Milano. Sin dall’inizio della sua attività, utilizza materiali apparentemente eclettici, che vanno dalla luce al vetro, agli specchi, alla ceramica, alle fusioni, al tessuto, al video e alla fotografia. L’artista sarà protagonista al Mattatoio Testaccio di Roma con la mostra “Chiara Dynys. La luna non è una dea/Enlightening Books”, che si terrà da 5 giugno al 4 settembre 2019.
Curata da Giorgio Verzotti, l’esposizione occuperà il padiglione 9B del Mattatoio e la Galleria delle Vasche della Pelanda. Il progetto prevede di suddividere il percorso espositivo in una rassegna di alcuni lavori storici di Chiara nella Pelanda accostati attorno a due “campi semantici” da sempre al centro della ricerca dell’artista come “dualità” e “rapporti Nord e Sud del mondo”, dedicando il 9B ad una straordinaria installazione site specific,"Enlightening books”. Enlightening Books è costruita attorno ad 11 diversi brani di tenda di dimensione 6x5 m, su cui sono dipinte a mano tre file sinuose di libri bianchi e rossi a definire un percorso misterioso, culminante in un "pozzo di luce" i cui lati sono definiti da una vera libreria composta da oltre 400 libri di vetro, di oltre 45 sfumature di bianco. I libri vengono inondati da un flusso luminoso, direttamente accostabile nelle tonalità alle diverse luci del giorno, dall’alba alla notte più profonda, dando vita ad uno spettacolo estatico ed immersivo.
Infine Cremonini è sponsor  della mostra “Sabra Beauty Everywhere”, sempre di  Chiara Dynys al Museo Correr di Venezia, dal 9 maggio al 24 novembre, in concomitanza con la Biennale dell’Arte. Una emozionante serie di 25 trittici in legno e foglia d'oro contenente scatti dell'Artista a Sabra Shatila, quartiere di Beirut che continua a vivere come fosse in stato di guerra permanente, in una precarietà di forme ed usi più propri di un campo profughi che non di un quartiere centrale di una grande città. Nel suo viaggio a Sabra però, Chiara ha riscoperto un'infanzia "incantata", descritta attraverso sorrisi e giocattoli. Tale ciclo verrà per la prima volta esposto nella magnifica Sala delle Quattro porte del Museo Correr,  una delle più belle del percorso interno alle Procuratie, da sempre dedicata alle più grandi interpreti dell'arte contemporanea