Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Al via un progetto formativo dedicato nel settore farmaceutico

Le sfide legate al mondo della sostenibilità richiedono soluzioni radicali e pongono le aziende di fronte alla necessità di operare promuovendo la sostenibilità ambientale, sociale ed economica.
Da questa consapevolezza trae spunto il progetto formativo sui temi della sostenibilità e dei fattori ESG inaugurato lo scorso 12 aprile 2022 da EGUALIA, in collaborazione con l’Associazione CIVITA, la società NOMISMA e il Centro Studi Parlamentari NOMOS. Il progetto punta a realizzare un percorso di approfondimento tematico, specifico per le aziende dell’industria del farmaco, al fine di fornire a tutti i partecipanti gli strumenti teorici e pratici relativi all’uso dei fattori ESG e necessari a presentare bilanci di sostenibilità.
Il presidente di Egualia, Enrique Häusermann, commentando l’iniziativa rileva come «molte società stanno riorganizzando i propri modelli di business per integrare la sostenibilità nelle strategie aziendali e stanno iniziando a considerare il reporting ambientale, sociale e di governance non come un onere normativo, ma come uno strumento per attrarre investitori e finanziamenti». In tal senso, il comparto che Egualia rappresenta non vuole farsi trovare impreparato.
«Gli incontri programmati puntano a sensibilizzare le aziende sui temi inerenti la sostenibilità e i fattori ESG, promuovendo un cambio di paradigma culturale - spiega Boris Popov, economista e Project Manager di Nomisma – La conoscenza delle stringenti normative promosse a livello europeo e del loro impatto sul modo di fare impresa nel futuro prossimo aiuterà le aziende a prendere consapevolezza delle nuove opportunità di mercato che possono derivare dal cambiamento e le renderà in grado di realizzare il proprio Bilancio di Sostenibilità».
Ogni incontro prevede l’intervento di un esperto nel campo della sostenibilità.
La prima ad intervenire è stata Simonetta Giordani, Segretario Generale dell’Associazione Civita. «Le aziende - ha spiegato - devono assumere sempre di più un approccio orientato alla ricerca di un equilibrio fra profitto economico e generazione di “valore condiviso” con gli stakeholder interni ed esterni. In quest’ottica - ha concluso la Giordani - il tema della declinazione culturale della sostenibilità risulta attuale e strategico, possedendo il nostro paese un immenso patrimonio culturale, che può rappresentare un terreno unico di sperimentazione di nuove politiche di sostenibilità per le aziende e le proprie comunità».
Nel percorso è intervenuta anche Licia Soncini, presidente di Nomos CSP e consigliera di Atlantia, che ha commentato: «Il nuovo quadro normativo europeo in corso di definizione metterà la sostenibilità sempre più al centro del confronto tra intermediari, gestori e investitori. La finanza sostenibile sarà il leitmotiv del mercato economico».