Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

ARS - Arte che realizza occupazione sociale: i vincitori

Si chiama “Trame di Lunigiana - Una rete di castelli, Castelli di Rete” il progetto vincitore del concorso ARS - Arte che realizza occupazione sociale, presentato da un team composto da: Fondazione Promo P.A., Sebastiano Peluso, Associazione GEOGRAPHIKE, Radio Papesse, Associazione Florencetown, Global Base srl, Associazione culturale Lo Spino Bianco, Istituto per la valorizzazione dei castelli.
Il concorso, lanciato qualche mese fa dalla Fondazione Italiana Accenture sulla sua piattaforma per l’innovazione sociale “ideaTRE60” ha raccolto ben 514 idee progettuali per l’ideazione, la realizzazione e la gestione di servizi e prodotti, che creino ricavi tali da generare occupazione sociale sostenibile utilizzando come asset il patrimonio artistico italiano. Il team vincitore è stato proclamato il 28 ottobre nel corso dell’evento di premiazione organizzato dalla Fondazione Italiana Accenture e ospitato a Palazzo Barberini dalla Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico, ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Roma, diretta da Daniela Porro.
In premio, oltre alle risorse finanziarie destinate alla realizzazione del progetto vincitore, Accenture metterà a disposizione pro bono un team di professionisti con l’obiettivo di seguirne l’evoluzione in tutte le sue fasi e garantire la massima qualità in termini di innovazione tecnologica, approccio manageriale e sostenibilità.
Il progetto vincitore intende valorizzare la Lunigiana e la Rete dei suoi Castelli con l’obiettivo di sviluppare una rete di soggetti attivi in un territorio pieno di ricchezze: dal Parco Regionale delle Alpi Apuane, la Via Francigena che dal Passo della Cisa scende fino a Lucca, all’insediamento di Luni, i tracciati storici della Seconda Guerra Mondiale e nuovi percorsi che esprimono le proprie bellezze nelle decine di castelli e fortificazioni che punteggiano l’area. Come? Implementando e diversificando le modalità di scoperta e permanenza sul territorio e riqualificando i castelli con la costruzione di una rete digitale, integrata, trasversale e facilmente accessibile, sulla scia di altre consolidate esperienze internazionali come la Loira e la Baviera. Merito dei vincitori, si legge nella motivazione ufficiale della giuria, è stata anche “la forte determinazione ed una buona capacità nel ‘fare rete’, cooptando nella proposta stessa una serie di realtà istituzionali del terzo settore che possono dare un contributo concreto al suo successo.” “Questa non è la conclusione di un ciclo ma un punto di partenza”, ha dichiarato Diego Visconti, Presidente della Fondazione Italiana Accenture “Siamo impegnati a far diventare questo progetto un caso di successo che possa crescere ed essere replicato in molte realtà, magari partendo proprio da altre buone idee raccolte da ARS. Speriamo infatti che questo tipo di iniziativa si diffonda come componente del modello di sviluppo del Paese”. Per i classificati tra il 2° e il 5° posto sono stati assegnati premi in denaro oltre ad un supporto per la realizzazione dei business plan con l’obiettivo di facilitarli nella ricerca di possibili finanziatori per poter realizzare le loro proposte. Il 2° posto è stato assegnato al progetto “TourismA - Arte, Accoglienza, Accessibiltà” proposto da: Touring Club Italiano, Associazione Atlha Onlus, Associazione Mapability. Il 3° posto è andato al progetto “Cultivars - Coltivare Culture in Arte” proposto dall’Associazione Orto di San Lorenzo. Al 4° posto il progetto “Il Parco delle Mura di Verona - Il parco urbano come rete dell’economia solidale” proposto da Legambiente Volontariato Verona, Comitato per il Verde, Associazione il Maggiociondolo, Società di Mutuo Soccorso Porta Palio, Fondazione Accademia di Belle Arti di Verona, Cooperativa Sociale La Fonte arl, Associazione Forte Sofia, Coopertiva Sociale CE.I.S. Verona. Infine il 5° posto è andato al progetto “Favara Urban Network - Castello Chiaramonte” proposto da Giovanni di Matteo.
Maggiori informazioni sui progetti sono disponibili sul sito: www.ideatre60.it