Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

La collezione Bartolini a Palazzo Thiene

Banca Popolare di Vicenza espone per la prima volta a Vicenza, nella sede storica di Palazzo Thiene - prestigiosa dimora palladiana del 500 - la collezione di opere dello scultore pratese Lorenzo Bartolini di proprietà dell’Istituto (fino al 31/01/2014).
La raccolta di sculture, recentemente dichiarata di eccezionale interesse storico e artistico dal Ministero dei Beni Culturali, proviene dalla sede di Banca Popolare di Vicenza di Palazzo Alberti a Prato e comprende 8 sculture di Lorenzo Bartolini, oltre ad un busto raffigurante lo stesso artista, opera dell’allievo fiorentino Pasquale Romanelli, realizzate tra il primo decennio e la metà del 1800.
Lorenzo Bartolini (Savignano, Prato 1777 – Firenze 1850), considerato il più grande scultore italiano dell’Ottocento dopo Antonio Canova, soggiornò e lavorò per diversi anni a Parigi. Qui, grazie alla stima del Direttore dei Musei che lo introdusse alla famiglia Bonaparte, ottenne importanti incarichi ed eseguì numerosi ritratti di Napoleone e dei membri della famiglia Bonaparte, che furono inviati negli uffici e nelle residenze imperiali di tutta Europa.
L’esposizione a Palazzo Thiene della raccolta di Bartolini aggiunge un importante elemento al percorso museale, arricchendo la parte scultorea delle collezioni dell’Istituto.
Nelle sale del Palazzo, infatti, accanto agli stucchi di Alessandro Vittoria e ai camini di Bartolomeo Ridolfi, parte integrante dell’architettura, trova collocazione il “Giudizio di Paride” gruppo scultoreo seicentesco opera di Orazio Marinali. La collezione ottocentesca di Bartolini si integra, dunque, in modo armonioso e coerente in un percorso cronologico che si evolve nel Novecento dei bozzetti di Arturo Martini.
Banca Popolare di Vicenza conferma il suo impegno nella valorizzazione del patrimonio artistico sottolineando come l’economia e la cultura siano strettamente collegate e imprescindibili l’una dall’altra: il progresso economico e il benessere sociale, infatti, passano anche attraverso l’attenzione per la cultura e l’arte, elementi fondamentali per l’identità e le tradizioni del territorio.
Le opere saranno visibili con le stesse modalità di accesso al Palazzo Thiene. Per orari e prenotazioni www.palazzothiene.it