Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Un sistema bibliotecario all’avanguardia per l’Università di Strasburgo

L’Università di Strasburgo, la più grande università francese e uno dei centri d’eccellenza del sistema universitario e della cultura in Francia, ha scelto le piattaforme software di DMPA per realizzare un sistema bibliotecario d’ateneo all’avanguardia ed offrire, così, servizi innovativi che rispondano alle esigenze di studenti, docenti e ricercatori. Si tratta di una notizia importante in un momento come questo nel quale portare l’esperienza della cultura italiana e della tecnologia made in Italy all’estero risulta quanto mai strategico; è un successo anche in termini di esperienza e competenza scientifica, modelli di cooperazione e collaborazione inter-istituzionale, un risultato importante per il nostro Paese e per chi, insieme a noi, continua a combattere per esportare le nostre best practices.
La decisione è avvenuta nell’ambito di una gara a cui hanno partecipato aziende IT di livello internazionale.
L’Università di Strasburgo è la prima in Francia per numero di studenti (44.000) e docenti (2.700), risultato dell’unificazione di 3 università della regione alsaziana, e centro sistema di una rete di 76 biblioteche.
Il progetto, a cui partecipano altri 7 istituti universitari fra i quali la prestigiosa Bibliothèque Nationale et Universitaire, prevede la creazione di un sistema bibliotecario che uniformi e normalizzi archivi di varia provenienza e formato oltre alle banche dati, gestite attualmente da 5 diversi software.
Inoltre, la messa a disposizione di una piattaforma di servizi di nuova generazione permetterà al pubblico di accedere alle risorse di tutte le biblioteche partecipanti al progetto, armonizzare le prassi fra le biblioteche interessate, garantendo l’interoperabilità necessaria per l’evoluzione del sistema di informazione documentale. In totale siamo di fronte ad un patrimonio di circa 3,5 milioni di documenti.
Per altre info: www.sebina.it