Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Anche cultura ed arte sono “su misura”

L’utilizzo dell’arte e della cultura come valori intorno ai quali costruire opportunità di relazione con la clientela effettiva e potenziale rappresenta un fil-rouge che Banca Profilo segue già da alcuni anni. Nel solco di questa tradizione e in linea con la propria identità di boutique specializzata nei servizi di Private Banking, si possono citare almeno 4 iniziative, di cui due mostre di grande rilievo colte a ridosso della loro inaugurazione ufficiale e due eventi pensati, progettati e svolti in totale autonomia. Molto apprezzati naturalmente i contenuti ma anche le modalità con le quali sono state proposte le iniziative: esclusività d’accesso, fluidità di visita, livello delle guide, tempi calibrati e qualità dei servizi accessori per fare delle iniziative esperienze uniche e facilmente associabili a Banca Profilo.
Il 23 settembre 2014 oltre 350 ospiti sono stati accolti a Palazzo Reale di Milano per la visita riservata e guidata alla mostra di Chagall, una retrospettiva 1908-1985 evento di punta nel calendario culturale della città. La mostra, inaugurata il 18 settembre, espone duecentoventi opere fra pitture e disegni che ripercorrono tutta la vita artistica di Marc Chagall, sviluppatasi attraverso l’intero Novecento. La retrospettiva – la maggiore mai realizzata in Italia sino ad oggi – consente una piena rappresentazione del linguaggio pittorico dell’artista e delle avanguardie culturali (ebraica, russa e francese) che lo influenzarono.
Il 3 ottobre 2014, a Palazzo Ducale a Genova, abbiamo realizzato una visita riservata alla mostra appena inaugurata su Frida Kahlo, simbolo dell'avanguardia artistica e della cultura messicana del Novecento, articolata su un’articolata rappresentazione di opere che, fra ritratti, fotografie, disegni, filmati e abiti, completano l’ambito artistico emerso dal sodalizio con Diego Rivera.
L’orologeria antica fra arte, scienza e meccanica. Quattrocento anni di storia della misura del tempo. Questo il tema delle due serate riservate, organizzate (in collaborazione con Hora - Associazione italiana cultori orologeria antica) a meta ottobre presso la sede delle Banca in Via Cerva a Milano attorno all’esposizione di dieci orologi da tavolo provenienti da una collezione privata. Le opere, datate fra il 1500 e metà del 1800, hanno consentito di apprezzare non solo la tecnica costruttiva e la finezza estetica delle opere ma anche di tratteggiare l’importanza che, nei secoli, la misurazione del tempo ha assunto per la società religiosa e civile.

Pensate ad hoc e sviluppate per una nicchia super-selezionata di ospiti, le quattro serate programmate per dicembre dal titolo “Caravaggio, evoluzione di stile e contenuti della pittura tra Riforma e Controriforma”, un percorso analitico-divulgativo sviluppato assieme ai Proff. Cottino e Ferrari per comprendere le caratteristiche innovatrici di Caravaggio rispetto gli artisti suoi contemporanei. L’iniziativa sarà tenuta presso la sede della Banca a Milano