Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

ARP, Jean et Sophie - DaDa e oltre

Venezia, Museo Correr

16 Luglio 2006

La mostra indaga i rapporti umani e artistici tra Hans Jean Arp e Sophie Taeuber-Arp con l'intento di sottolineare soprattutto gli aspetti del sodalizio artistico del primo periodo della loro unione, tra il 1916 e la metà degli anni Venti, quando la coppia operava in Svizzera, e in modo particolare a Zurigo nel pieno fermento del movimento dadaista che nasce, com'è noto, in quell'anno al Cabaret-Voltaire e che rivoluzionerà l' idea stessa di arte, oltre a mettere in discussione valori e significati del vivere o concetti quali modernità, convenzione, comunicazione, linguaggio. Saranno esposte complessivamente centoquaranta opere: soprattutto dipinti e sculture , ma anche disegni, collages, mobili, progetti di architettura e arredamento, arazzi, acquerelli, gouache, marionette… Il percorso espositivo indaga dunque l'esperienza DaDa dei coniugi Arp, fino al trasferimento a Parigi, con la costruzione della casa di Clamart e quindi il ritorno a Zurigo dove Sophie Taeuber morirà nel drammatico incidente del rogo della propria abitazione, ma sottolinea anche gli esiti espressivi del rapporto profondo tra i due artisti: affinità e divergenze, immaginario comune e opposto, forza e difficoltà di un'unione artistica e personale che continuerà idealmente nell'opera di Arp, anche dopo la prematura scomparsa della moglie avvenuta nel 1943. La mostra documenta inoltre da un lato il ruolo di Sophie nell'ambito più strettamente vicino al design e alla progettazione d'interni nel contesto Bauhaus, dall'altro i legami tra Arp e Venezia , dal Gran Premio della Scultura alla Biennale del 1954, all'amicizia con Peggy Guggenheim.