Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Arnolfo di Cambio.Una rinascita nell'Umbria medievale

Perugia, Galleria Nazionale dell'Umbria

Orvieto, Chiesa di Sant'Agostino

08 Gennaio 2006

A settecento anni dalla morte di Arnolfo di Cambio, l'Umbria dedica al grande maestro della scultura un vasto progetto espositivo, articolato in due sedi, Perugia e Orvieto, destinato a riscoprire un momento particolarmente fecondo della loro civiltà artistica. Il progetto espositivo, curato da Vittoria Garibaldi e Bruno Toscano, accanto alle preziose e rare testimonianze della scultura arnolfiana in Umbria, propone alcune opere pittoriche dei maggiori artisti del tempo, quali Cimabue, Duccio di Boninsegna e Giotto. In particolare, saranno eccezionalmente presenti due affreschi staccati provenienti dalla Basilica di S. Francesco di Assisi, l'uno riproducente un grande Angelo di Cimabue, temporaneamente rimosso dalla tribuna della chiesa superiore per una verifica conservativa, l'altro una Figura allegorica di Giotto, proveniente dall'abside della chiesa Inferiore, conservato nel Museo delle Belle Arti di Budapest. Nella sede perugina della mostra, allestita nella sala Podiani della Galleria Nazionale, un'intera sezione sarà dedicata alla ricostruzione del contesto storico e politico tra XIII e XIV secolo, caratterizzato da grandi trasformazioni culturali, sociali e urbanistiche, legate alla presenza delle residenze papali nelle due città umbre. In tale ambito saranno esposti preziosi paramenti sacri, oreficerie, codici miniati e documenti riferiti al soggiorno e all'attività dei pontefici, che permettono di percepire la complessità e il fervore artistico che anima le "città dei Papi" tra Due e Trecento.