Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Arte in Umbria nell'Ottocento

L'esposizione, frutto dell'iniziativa della Consulta delle Fondazioni delle Casse di Risparmio umbre e del conseguente progetto di ricerca promosso dall'Università degli Studi di Perugia (Facoltà di Scienze della Formazione - Facoltà di Lettere e Filosofia), l'Università della Tuscia (Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali) e l'Accademia di Belle Arti di Perugia, propone un'ampia e organica rassegna, in gran parte inedita, dell'Arte in Umbria dal Neoclassicismo all'Art Nouveau. Oltre trecento opere, tra dipinti, sculture, disegni, arredi e suppellettili, dislocate in sei prestigiose sedi espositive, restituiscono la fisionomia culturale e artistica di una regione che, nel corso del XIX secolo, si qualifica come centro non marginale del dibattito sulle arti, permeabile agli orientamenti del gusto e dello stile nel più ampio contesto artistico italiano ed europeo. Vivace crocevia di artisti anche stranieri, l'Umbria è nell'Ottocento terra d'elezione per i grandi paesaggisti alla ricerca del "sublime" e per quei pittori e teorici che ne privilegiano il binomio arte-spiritualità, identificandola come scrigno di una tradizione esemplare nel programmatico recupero dei "primitivi". A catalizzare la varietà di tendenze e a proporne una coerente sintesi l'Accademia di Belle Arti di Perugia è per tutto il secolo fecondo laboratorio di idee non soltanto per maestri e allievi, ma anche per letterati e uomini di cultura che animano un confronto capace di valicare gli orizzonti regionali.

La mostra è offerta gratuitamente dalla Consulta delle Fondazioni delle Casse di Risparmio Umbre