Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Bruce Nauman "Make Me Think Me"

Napoli, Museo Madre

08 Gennaio 2007

Dopo la grande retrospettiva dedicata al maestro Jannis Kounellis, il Museo d'Arte Donnaregina di Napoli, MADRE organizza, in collaborazione con la Tate Liverpool, la mostra di Bruce Nauman "Make Me Think Me". La mostra, che sarà ospitata nei grandiosi spazi del terzo piano del museo dedicati alle mostre temporanee, dal 7 ottobre 2006 al 19 gennaio 2007, attraversa le fasi più salienti della carriera dell'artista. Sessanta lavori, tra sculture, neons, video, performance e disegni, eseguiti tra 1966 ed il 2005, costituiscono il corpus dell'esposizione, concentrandosi in particolare sull'interesse di Nauman per la potenzialità e la manipolazione del linguaggio, attraverso i giochi di parole e la ripetizione, e sottolineando la sua attenzione verso le forme di controllo e sulle possibili reazioni dello spettatore alle sollecitazioni ambientali da lui create, nonché sull'attenzione dell'artista nell'uso e nelle potenzialità del corpo all'interno della società tecnologica contemporanea. Bruce Nauman è universalmente considerato uno degli artisti più cruciali ed influenti del Dopoguerra. Le sue ricerche pionieristiche sui significati e le potenzialità della scultura, dei video, della performance e dell'arte ambientale hanno influenzato intere generazioni d'artisti già dagli anni Settanta. In una lucida e spietata analisi della condizione umana, l'artista utilizza il processo artistico creando una serie continua di attività sperimentali che inglobano i più disparati campi di attività come gli studi sul linguaggio scritto e parlato e il comportamento. Bruce Nauman è nato a Fort Wayne, Indiana, nel 1941. La sua prima personale risale al 1966 alla Galleria Nicolas Wilder di Los Angeles, tra le grandi retrospettive a lui dedicate ricordiamo la mostra itinerante al Walzer Art Center di Minneapolis, al Hirshhorn Museum di Washington e al Reina Sofia di Madrid negli anni 90. E' stato inoltre insignito del Leone d'oro alla Biennale di Venezia nel 1999.