Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Come acqua nell'acqua

Napoli, Castel Sant'Elmo

03 Febbraio 2008

Tipologia:mostra

Sabrina Mezzaqui presenta le sue opere negli ambulacri del Castello, alcune di esse sono già state esposte nella mostra C'è un tempo alla GAM di Torino lo scorso anno, tra cui: C'è un tempo, 2006; Bhagavad Gita, 2006; Collana, 2006; Copertine, 2006; Senza titolo, 2006; Segni, 2006. E poi I trentatrè nomi di Dio, 2007 tratto da un testo di Marguerite Yourcenar, mai esposto fin'ora e la video-proiezione a pavimento Pond Ripple, 2007. Per Napoli l'artista ha creato: Farfalline, 2007, video-installazione in tre cornici digitali; Isole, 2007, pennarello su carta, tre elementi (Capri, Ischia, Procida), Itaca, 2007, due mappe nautiche ritagliate ed intessute insieme, Il cielo nell'acqua, 2007, video-proiezione, e Anna Soror realizzata con le pagine del racconto di Marguerite Yourcenar, elaborate seguendo la forma stellare della pianta di Castel S.Elmo. Il rapporto di Sabrina Mezzaqui con i lavori video e con gli oggetti è mediato dalla profonda rilevanza della dimensione manuale nella loro esecuzione. Manualità nella quale l'artista recupera non solo gli aspetti concretamente fabbrili e artigianali delle pratiche, spesso proprie del mondo femminile, quanto in particolar modo la temporalità. Il tempo della loro esecuzione è il tempo del riflettere, dell'osservare dell'artista stessa, è il tempo della fruizione da parte del pubblico, è la percezione che l'artista riesce a comunicare e rendere palpabile attraverso forme meticolosamente realizzate e talvolta ripetitive.