Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Diana Vreeland After Diana Vreeland

Venezia, Palazzo Fortuny

25 Giugno 2012

La mostra Diana Vreeland After Diana Vreeland, curata da Judith Clark e Maria Luisa Frisa, commissionata da Lisa Immordino Vreeland e promossa dalla Fondazione dei Musei Civici di Venezia e dal Diana Vreeland Estate in collaborazione con Mauro Grifoni e VicenzaOro, è la prima grande mostra - dopo la retrospettiva curata da Richard Martin e Harold Koda nel 1993 al Metropolitan - che riflette sulla complessità del lavoro della Vreeland. L'organizzazione è di Civita Tre Venezie.
Il titolo sta a indicare la necessità oggi di decontestualizzare i pezzi che compongono la sua caleidoscopica carriera per riconnetterli in una nuova lettura interpretativa.
La mostra cerca di restituire il magnifico incedere con cui la Vreeland ha attraversato la moda del Novecento prima negli anni di “Harper’s Bazaar” e “Vogue”, poi nel suo ruolo di Special Consultant per il Costume Institute del Metropolitan Museum of Art di New York: non solo un percorso fra gli abiti più rappresentativi che hanno animato le mostre realizzate da Vreeland al Met, ma una vera e propria riflessione sul contribuito museografico di Diana Vreeland alle mostre di moda e al fashion curating. L’exhibition design utilizza gli elementi della grammatica curatoriale messa a punto da Vreeland (i manichini sono stati progettati apposta per la mostra in collaborazione con La Rosa Mannequins, mentre la ditta Fusina ha costruito spettacolari cabinet ) e la sua capacità di usare la moda come straordinario volano per l’immaginazione La mostra non si limita a mettere in scena vestiti, ma mette in cortocircuito il tempo, gli oggetti e la loro aura, esplicitando come la moda sia un fenomeno complesso e un dispositivo potente per interpretare gusti e tendenze del tempo.
In occasione della mostra, che inaugura il 9 marzo 2012 al Museo Fortuny, l’Università Iuav di Venezia (Corso di laurea in design della moda) organizza sabato 10 un Convegno internazionale in collaborazione con il London College of Fashion (University of the Arts London) che si terrà nella Sala Tafuri a Ca’ Badoer a Venezia.
Il convegno, dedicato alla disciplina del fashion curating, prevede la partecipazione dei nomi più importanti nel panorama internazionale dei musei della moda e della cura delle mostre di mode: fra questi Harold Koda, Akiko Fukai, Kaat Debo, Alexandra Palmer, Amy de la Haye, Stefano Tonchi.
Catalogo in edizione italiana e in edizione inglese Marsilio; per informazioni: www.visitmuve.it

Ufficio Stampa
Fondazione Musei Civici Veneziani
Riccardo Bon : + 39 346 0844843 press@fmcvenezia.it
AE Comunicazione d’Impresa
Adele Bandera / Spazia Fiori, +39 02 760921
adele.bandera@aemedia.com; spazia.fiori@aemedia.com

Civita Tre Venezie
Valeria Regazzoni +39 348 3902070; valeria.regazzoni@gmail.com;
Camilla Mozzato +39 335 6824675; camilla.mozzato@treoci.org