Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Gauguin e la Bretagna

Napoli, Castel S.Elmo

08 Febbraio 2004

Dopo il grande successo al Musée du Luxembourg di Parigi (2 aprile-22 giugno 2003) e al Musée des Beaux Arts di Quimper (12 luglio - 30 settembre 2003), arriva a Napoli, unica tappa in Italia, un' eccezionale esposizione su Paul Gauguin che verrà presentata, nei nuovi spazi del carcere alto del Museo di Castel Sant'Elmo. La mostra "Gauguin e la Bretagna", curata da André Cariou, è stata realizzata in occasione del centenario della morte dell'artista e presenterà circa cento opere, molti tra i capolavori concepiti dal grande pittore francese durante il suo soggiorno in Bretagna. L'esposizione, infatti, intende porre all'attenzione del pubblico l'attività svolta da una colonia di artisti che ha operato a Pont-Aven in anni in cui il soggiorno di Paul Gauguin sollecitava innovative soluzioni formali. Pertanto accanto alla produzione meno nota di Paul Gauguin (quella del periodo bretone, appunto), si potranno ammirare anche le influenze e gli sviluppi che la sua lezione ebbe sugli artisti - tra questi Bernard e Serusier, Schuffenecker, O' Conor, Moret, Maufra - che si confrontarono, direttamente o indirettamente, con essa.risuonano dunque le parole di Gauguin:"Amo la Bretagna, qui trovo il selvaggio, il primitivo. Quando i miei zoccoli risuonano su questo suolo di granito, sento quella tonalità sorda, opaca e potente che cerco di ottenere nella pittura"