Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Gianni Berengo Gardin. Storie di un fotografo (Venezia)

Venezia, Casa dei Tre Oci

12 Maggio 2013

Per prenotare clicca qui

Dopo il grande successo della mostra "Personal Best" di Elliott Erwitt, la Casa dei Tre Oci presenta, in anteprima internazionale, la retrospettiva di uno dei più grandi fotografi italiani: Gianni Berengo Gardin.
La più completa antologica del maestro, una mostra unica e imperdibile di 130 fotografie, curata da Denis Curti, direttore artistico della casa dei Tre Oci, che lo ha accompagnato attraverso un lungo lavoro tra centinaia di stampe in bianco e nero dell’immenso archivio privato, per rileggere tutti i suoi scatti, compresi quelli inediti o ritrovati.
La mostra è prodotta da Civita Tre Venezie e da Contrasto con il sostegno di Veneto Banca e della Regione Veneto.
Gianni Berengo Gardin considera questa mostra come la più rappresentativa della sua carriera: in parete oltre 130 stampe analogiche che ripercorrono il suo lavoro di reporter e che sono lo specchio di un autore che ha fatto dell’etica la sua bandiera.
Berengo Gardin ha voluto rivedere tutta la sua produzione, le mostre passate, i libri (oltre 200), le pubblicazioni editoriali (giornali e magazines) per rileggere il tutto con lo sguardo di oggi, per scegliere le immagini che meglio di altre raccontassero la sua storia, una sintesi del suo viaggio da fotografo.
130 fotografie che ripercorrono la carriera del grande maestro italiano che più di altri, ha saputo restituire e rinnovare il linguaggio visivo del nostro Paese: Venezia e Milano, i manicomi e la legge Basaglia, la Biennale d’arte di Venezia e gli zingari, il fondamentale reportage intitolato Dentro le case e New York, Vienna, la Gran Bretagna per finire con la straordinaria esperienza con il Touring Club che lo spinge a scoprire gli angoli più reconditi del nostro paese, fino alle fotografie finora rimaste inedite e qui presentate per la prima volta.
La Casa dei Tre Oci, splendida testimonianza dell’architettura veneziana di inizio ‘900 realizzata dall’artista Mario De Maria, è proprietà di Polymnia Venezia, società strumentale della Fondazione di Venezia.
La mostra che, si avvale della collaborazione di Caffé Florian, Molino Stucky, e COOP Adriatica, sarà accompagnata da un catalogo edito da Marsilio Editori, anch’esso curato da Denis Curti.
Per info: www.treoci.org

Ufficio Stampa:
Valeria Alemà Regazzoni
348.3902070; valeria.regazzoni@gmail.com