Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

La Forza del Bello. L'arte greca conquista l'Italia

Mantova, Palazzo Te

06 Luglio 2008

La mostra "La forza del Bello. L’arte greca conquista l’Italia", curata da Salvatore Settis con Maria Luisa Catoni, illustra con una scelta di oltre centoventi opere di straordinario impatto visivo, provenienti da tutto il mondo, la storia della presenza dell’arte greca sul territorio italiano, di centrale importanza nella millenaria vicenda di contatti e scambi che forma la trama delle culture artistiche del Mediterraneo.
Nelle sale affrescate da Giulio Romano e nelle Fruttiere di Palazzo Te, per la prima volta contemporaneamente, sono esposti i capolavori dell’arte classica in una sequenza narrativa che dal VII secolo a.C. conduce lo spettatore alle scoperte archeologiche dell’Ottocento e alle recenti restituzioni da musei americani, invitandolo a seguire il processo di riscoperta e conoscenza storica ancora oggi in corso.
L'esposizione, che si avvale dell'allestimento di Andrea Mandara, si propone di illustrare narrativamente, con una scelta di oltre centoventi opere di straordinario impatto visivo, provenienti da tutto il mondo ed esposte per la prima volta contemporaneamente nelle Sale di Palazzo Te e nelle Fruttiere. la storia della presenza dell'arte greca sul territorio italiano, di centrale importanza nella millenaria vicenda di contatti e scambi che forma la trama delle culture artistiche del Mediterraneo. Pur non essendo questa una vicenda lineare, si sono individuate tre fasi successive e ben caratterizzate, corrispondenti, ciascuna, a una sezione della mostra. Si propone così un racconto storico attraverso opere di altissima qualità estetica.
Nella prima fase (VINI sec. a.C.) l'arte prodotta nelle città greche dell'Italia meridionale e della Sicilia s'intreccia con quella prodotta in Grecia e importata non solo dai Greci d'Italia, ma anche da altri popoli della Penisola, specialmente gli Etruschi, che ne sono conquistati e prendono a imitarla. Fra le culture durevolmente sedotte dall'arte greca spicca quella di Roma, cui è dedicata la seconda parte dell'esposizione (III sec. a.C. - IV sec. d.C.). I Romani non solo saccheggiano e raccolgono opere d'arte greca, ma attraggono artisti greci a lavorare per loro in Italia, e delle opere più celebrate vogliono copie "in serie", a ornare case, palestre e giardini. Questa "moltiplicazione" dell'arte greca e l'eco duratura che essa lascia nelle opere degli scrittori romani, ne ha assicurato la fama e ha costruito le premesse per la sua ricerca e riscoperta dal Medio Evo all'Ottocento, tema della terza parte della mostra. A un'idea quasi favolistica dell'arte greca perduta si affianca, dal Quattrocento in poi, l'importazione di sculture dalla Grecia; rinasce il collezionismo di scultura antica e, nell'assiduo tentativo di ricostruire l'antica narrazione storica dell'arte, si impara a distinguere gli originali dalle copie, mentre dal suolo italiano spuntano nuovi originali greci.
Questa sequenza narrativa vuole far emergere alcuni tratti costanti del gusto che ha radicato l'arte greca nelle culture d'Italia: dall'una all'altra sezione si inseguono dunque, con la forza potente del richiamo visivo, i grandi temi che segnano i meccanismi della ricezione. E' infatti su questa base che nasce, dal Settecento in poi, lo studio "scientifico" dell'arte greca, partito con l'antiquaria italiana e culminato nell'archeologia tedesca. La presenza dell'arte greca in Italia diviene così la matrice e il lievito di un processo di riscoperta e conoscenza storica ancora in corso.