Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

La doppia elica del DNA 50 anni dopo

Roma, Centrale Montemartini

28 Marzo 2004

Nell'aprile del 1953 James D. Watson e Francis H.C. Crick pubblicavano sulla rivista Nature la loro ipotesi sulla struttura a doppia elica del Dna, consapevoli che quella particolare struttura e l'appaiamento complementare delle basi nucleotidiche indicavano un possibile meccanismo per la replicazione del gene e che la sequenza delle basi poteva contenere, in forma di codice, l'informazione genetica. Nel nostro Paese il compito di ricordare i cinquant'anni dalla scoperta del DNA è stato assegnato dal Ministero delle Università e della Ricerca (MIUR) alla Fondazione Adriano Buzzati-Traverso, con l'obiettivo di favorire, attraverso la celebrazione di una pietra miliare del progresso scientifico, la diffusione della cultura scientifica tra gli italiani. Asse portante del programma è una mostra i cui obiettivi possono essere così riassunti: ricostruire le fasi salienti della storia della biologia molecolare negli ultimi cinquanta anni attraverso le scoperte fondamentali e i relativi protagonisti; stimolare una riflessione sull'importanza della fertilizzazione incrociata delle scienze nel progresso della conoscenza umana; fornire al vasto pubblico una panoramica aggiornata sullo stato attuale e sulle prospettive della ricerca scientifica, senza trascurare le sfide politiche ed etiche che questi sviluppi sollevano; sottolineare l'influenza intellettuale che la scoperta di Watson e Crick ha avuto nel nostro paese e il contributo di primo piano fornito da ricercatori e centri di ricerca italiani agli avanzamenti della biologia molecolare e delle biotecnologie