Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

La verità è sempre un'altra

Napoli, Castel Sant'Elmo

03 Febbraio 2008

Tipologia:mostra

Melita Rotondo in "La verità è sempre un'altra" si interroga sul potere e sulla capacità di penetrazione dello stesso nella vita di ciascuno.
Con sguardo ironico l'artista mette in scena visioni in bilico tra il paradossale e il tragico, l'ambiguo e il grottesco dietro i quali si nasconde la dimensione emozionale e percettiva dei singoli. Concetti quali il nutrimento, il danaro, la politica, l'esoterismo, le relazioni sentimentali trovano nelle installazioni, sculture, azioni, disegni, fotografie la chiave di accesso a soglie dove il pubblico interagendo, si interroga. La mostra si apre già all'esterno, con una installazione sulla facciata del Carcere alto, da cui prende il titolo l'esposizione, mentre all'interno i visitatori cammineranno su un tappeto, posto all'ingresso, dove sono impresse le parole 'Stiamo tutte bene', 2007; ci si inoltra nel grande corridoio fino all'installazione 'Milleseicento sogni', 2004. Negli altri ambienti sono raccolte opere realizzate con tecniche differenti. Dai tavoli su ruote Accarezzami, 2006, su cui le immagini fotografiche sono ricoperte da polveri di marmo, cenere e pomice, al libro Perduta-mente, 2007, al lavoro del 1988-89 Alieno Napoli, composto da fotografie e tubi in pvc, fino ad altre opere site specific, realizzate appositamente per il Castello.