Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Museo Archeologico Nazionale di Paestum - aperture straordinarie

Paestum , Museo Archeologico Nazionale di Paestum

29 Agosto 2010

Nel periodo dal 1 luglio al 29 agosto 2010, dal mercoledì alla domenica, il Museo Archeologico Nazionale di Paestum resta aperto la notte fino all'1.30 a.m.
Il Museo espone le principali testimonianze provenienti dall’area della città antica e del suo territorio.
Il percorso si snoda come una sorta di narrazione che ripercorre le tappe fondamentali della storia della città dalla sua fondazione ad opera di coloni greci, attraverso la conquista dei Lucani, sino alla nascita della colonia romana e al suo abbandono.
Inoltre, una sezione preistorica di recente allestimento illustra le dinamiche del popolamento nei territori a Sud del Sele prima della nascita della città greca, dall’Età della Pietra sino alla tarda Età del Ferro.
Fra i più importanti reperti esposti vi è l’imponente complesso di metope arcaiche scolpite, raffiguranti antichi miti, che decoravano gli edifici sacri del noto santuario di Hera, fondato dai coloni greci presso la foce del fiume Sele.
Altrettanto eccezionale è la Tomba del Tuffatore, unico esempio di sepoltura con lastre dipinte di età greca, risalente agli inizi del V sec. a.C.
Numerose, invece, le tombe con pareti dipinte di età lucana, che costituiscono la più cospicua raccolta di pitture funerarie che il mondo antico ci ha lasciato.
Significativo, infine, il monumentale vaso raffigurante il ratto della principessa fenicia Europa ad opera di Zeus, trasformatosi, per l’occasione, in un toro bianco. Il magnifico cratere di Assteas del IV secolo a.C. è uno dei rari manufatti firmati dall’artigiano Assteas, che aveva la sua bottega a Paestum. Il vaso, scomparso nel 1974 da una tomba di Sant’Agata dei Goti e venduto sul mercato antiquario, dopo lunghi anni di permanenza al Paul Getty Museum di Malibu, è rientrato finalmente in Italia, nel luogo in cui è stato prodotto.