Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Richard Serra

Napoli, Museo Archeologico Nazionale di Napoli

10 Maggio 2004

Richard Serra (San Francisco, 1939) è universalmente riconosciuto dalla critica internazionale come uno degli scultori più importanti ed innovativi nella storia dell'arte moderna. La sua ricerca si focalizza sui processi di fabbricazione e le caratteristiche del materiale di cui è composta l'opera stessa, nonché su una complessa iterazione con lo spazio circostante e con lo spettatore. Fin dagli anni Sessanta, l'artista ha rivolto la sua attenzione a materiali di origine industriale e alle loro proprietà fisiche. Liberate da ogni intento simbolico, dalla mediazione del piedistallo e introdotte nel territorio della quotidianità le sue opere diventano imprescindibili dal rapporto e dalla reazione psico-fisica del pubblico, che è incoraggiato ad esperirle da punti di vista multipli, a percepirne l'equilibrio apparentemente precario su cui sembrano poggiarsi, a muoversi attorno e talvolta al loro interno, a relazionare attraverso di esse con lo spazio espositivo, l'architettura urbana o il paesaggio in un dialogo che coinvolge e mette in discussione la nostra percezione della realtà. La mostra al Museo Archeologico Nazionale di Napoli presenta un lavoro unico, diviso in cinque parti, progettato ed eseguito appositamente per questa occasione. In ciascuna delle quattro sale del museo, con l'eccezione di quella più grande che ne contiene due, sono posti dei parallelepipedi di acciaio forgiato, pesanti decine di tonnellate. Queste forme monolitiche riproducono, senza alcun intento narrativo o metaforico, le proporzioni del corpo umano al minimo comune denominatore, riducendo e riproponendo la poetica classica presente nelle collezioni archeologiche in chiave contemporanea. La scultura assume una compattezza che sembra implodere, con drammatica tensione, nella sua sagoma. La densità del peso attrae su di sé l'attenzione, lo sguardo, a annullando tutto ciò che le sta intorno. Le corrispondenze spaziali risultano modificate, il peso e il suo specifico palesarsi entrano in conflitto con la realtà dei rapporti di scala accentrandosi sull'autorità e sull'impeto della spinta gravitazionale.