Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Teatro del Sogno da Chagall a Fellini

Perugia, Galleria Nazionale dell'Umbria

09 Gennaio 2011

L’universo onirico è stato ed è il contenitore dal quale attingere per interpretare le utopie e le fantasie che hanno accompagnato i desideri e le sfide dell’uomo moderno. Con la psicanalisi di Sigmund Freud, il sogno, o meglio l’inconscio, diventa la modalità espressiva del pensiero irrazionale, ora esplicitato e analizzato nelle sue modalità latenti o manifeste, tra censure e incomunicabilità. Le sue teorie, riassunte in quello che viene definito il “testo d’avvio” della psicanalisi ( L’interpretazione dei sogni, 1899), aiuteranno André Breton nella stesura del Manifesto (1924) del Surrealismo.
Il sogno è il tema, il soggetto o il pretesto che ha invaso l’immaginario estetico degli artisti scelti da Luca Beatrice per costruire una mostra che intreccia il Simbolismo di inizio Novecento con l’arte contemporanea, i diversi “surrealismi” con alcune delle più suggestive espressioni del Cinema.
Nel percorso espositivo, allestito come dietro le quinte di un ideale palcoscenico, prendono posto oltre 100 opere di alcuni protagonisti assoluti delle arti figurative e del cinema dal primo Novecento al contemporaneo, rappresentati anche simbolicamente da Marc Chagall e Federico Fellini.
Le prime esperienze visionarie legate al sogno sono presenti in mostra con opere di Umberto Boccioni, Arnold Böcklin, Paul Klee, Max Klinger, Plinio Nomellini, Gaetano Previati.
Nel percorso espositivo, allestito in modo da favorire un dialogo tra le opere, si incontrano i più rappresentativi esponenti del movimento surrealista insieme agli artisti che nel cuore del Novecento si sono misurati con il mondo dell’inconscio: Marc Chagall innanzitutto, di cui sono esposte sei opere di grande impatto e qualità pittorica, e poi Salvador Dalì, Giorgio de Chirico, Paul Delvaux, Max Ernst, Renè Magritte, André Masson, Joan Mirò, Man Ray, Alberto Savinio, Yves Tanguy, Fernando Botero, Pinot Gallizio.
Nella parte finale la mostra entra nel vivo del panorama contemporaneo, che fa da compendio al tema con le esperienze pittoriche della Transavanguardia italiana e internazionale – Sandro Chia, Mimmo Paladino, Julian Schnabel, David Salle – e le suggestioni proposte da video, installazioni e sculture di artist-star del nuovo millennio – Jan Fabre, Damien Hirst, Tony Oursler, Felix Gonzalez-Torres.
Nel Teatro del Sogno “messo in scena” nella Galleria Nazionale dell’Umbria la presenza del cinema, fondamentale al pari delle arti figurative, ruota intorno alla straordinaria produzione di Federico Fellini, di cui sono esposti oltre 30 disegni e schizzi - alcuni dei quali tratti dal famoso Libro dei Sogni - e di cui si potrà ammirare una selezione di scene tratte dai film più “onirici” come “I clown” e la “La città delle donne”.
Lungo il percorso di mostra s’incontrano capolavori surrealisti come Un Chien andalou e L’age d’or di Bunuel, l’unica sceneggiatura cinematografica (Film) di Samuel Beckett, Spellbound (Io ti salverò) di Alfred Hitchcock con le celebri scenografie create da Salvador Dalì, e poi Sleep di Andy Warhol e la sua controparte odierna David Beckham Sleeping di Sam Taylor-Wood e infine Quijote, lungometraggio di Mimmo Paladino, ispirato al noto romanzo di Miguel Cervantes.
Con questa esposizione Perugia conferma la propria vocazione a palcoscenico d’arte internazionale e metatemporale proponendo un’esposizione dedicata all’arte contemporanea (storicizzata e non) che volutamente fuoriesce dal binario in gran parte già percorso – e con grandissimo successo - dei maggiori interpreti della pittura e della scultura umbra (Arnolfo di Cambio, Perugino, Pintoricchio, Cerrini). La mostra perugina corona un percorso iniziato “intra moenia” già da alcuni anni e volto alla ricerca di una nuova identità culturale, aperta ad accogliere le sollecitazioni provenienti dal fermento che attraversa la società contemporanea in tutti i settori della cultura: arte, letteratura, cinema, architettura ecc. Una mostra, dunque, che rivela un “sogno” in procinto di diventare “realtà”.
La mostra è promossa dal Comune di Perugia in collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Regione Umbria, la Provincia di Perugia e la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. L’organizzazione è affidata a Civita e la realizzazione del catalogo all’editore Giunti.
Informazioni e prenotazioni: www.mostrateatrodelsogno.it; 199.151.123

Ridotto: possessori tessera Aci – Show Your Card, possessori card Arci, soci COOP, possessori tessera Fai - Fondo Ambiente Italiano, possessori Feltrinelli Carta più, soci Touring Club, possessori tessera FNAC, possessori card AIG – Ostelli Emilia Romagna e Hostelling International, iscritti Anisa, possessori della card PerDue, possessori Civita card, possessori tessera soci CTS, abbonati librerie Dante Alighieri, possessori card Enel, titolari di tessera FMR Symposium, abbonati speciali al Gambero Rosso, possessori della card IVM Club-I Viaggi di Mercatore, abbonati dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e possessori della Santa Cecilia Card, dipendenti gruppo Telecom, utenti registrati al sito Civita, dipendenti BNL - Gruppo BNP Paribas, dipendenti Pirelli Re, possessori tessera Ina Assitalia, dipendenti Agenzie Generali, dipendenti Unicredit Group, dipendenti Bat Italia.