Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

100 disegni del Rinascimento italiano dal British Museum agli Uffizi

L'8 marzo si è aperta al pubblico la mostra Figure, memorie, spazio disegni da Frà Angelico a Leonardo allestita nelle sale della Galleria degli Uffizi e al Gabinetto Disegni e Stampe della medesima Galleria di Firenze. A distanza di sette mesi dalla chiusura della mostra Fra Angelico to Leonardo. Italian Renaissance Drawings ospitata dal British Museum nella primavera dell’anno passato e che riscosse un successo di pubblico ancora superiore alle pur ampie aspettative, la medesima selezione di cento disegni, equamente scelti tra quelli di proprietà del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi e quelli del British Museum - le due più vaste collezioni al mondo di disegni italiani del Quattrocento - viene riproposta al pubblico italiano, riprova indubitabile di una costante predilezione accordata al disegno italiano del Quattrocento.
La mostra è promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali con la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze, il Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi e Firenze Musei, insieme all’Ente Cassa di Risparmio di Firenze. La produzione e la gestione sono a cura di Opera Laboratori Fiorentini S.p.a., società controllata da Civita Servizi.
L’esposizione include autentici capolavori che prendono avvio dalla fine del Trecento, con fogli ancora improntati a caratteri tardogotici, e superano gli esordi del Cinquecento, approdando a esiti che Vasari avrebbe definito propri della maniera moderna.
Decenni essenziali per l’affermazione del disegno come espressione artistica dotata di una propria autonomia e che di volta in volta è anche esercizio quotidiano, elaborazione di uno stile, riflessione progettuale, studio dell’antico, della figura umana o della natura, esplorazione e misurazione dello spazio.
Gli autori, di prima grandezza, rappresentano in termini numericamente prevalenti la scuola centro-italiana, annoverando, tra gli altri, Lorenzo Monaco, Beato Angelico, Filippo e Filippino Lippi, i Pollaiolo, Verrocchio, Botticelli, Perugino, Ghirlandaio, per arrivare infine a Leonardo, Raffaello e Michelangelo; ma importanti approfondimenti non mancano anche per gli ambiti del nord Italia con Pisanello, Mantegna, Jacopo e Gentile Bellini, Carpaccio, Cosmè Tura, Ercole de’ Roberti, Amico Aspertini e, finalmente, Tiziano.
La rassegna fiorentina non si limita tuttavia a riproporre quell’originaria selezione di opere esposta al British Museum, per quanto ampia e significativa, ma si arricchisce ulteriormente con integrazioni di disegni, incisioni, oreficerie, dando luogo a un percorso che si snoda all’interno del complesso monumentale degli Uffizi e che coinvolge sia la Galleria, sia il Gabinetto Disegni e Stampe. Dunque, capolavori normalmente visibili solo a Firenze, come la Giuditta di Mantegna o il Cartonetto per il monumento equestre a Giovanni Acuto di Paolo Uccello o anche le due piccole prove un tempo attribuite, forse dallo stesso Giorgio Vasari, a Cimabue, oggi sappiamo senza fondamento.

Riferimenti

Figure, memorie, spazio. Disegni da Frà Angelico a Leonardo
8 marzo - 12 giugno 2011
Firenze, Galleria degli Uffizi e Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi