Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Da Schifano a Basquiat. Trionfo di colore e vitalità

Sandro Chia, "Pasto appassionato", 1982, 257,8x335,3, olio su tela

Una mostra che ripercorre uno dei decenni più controversi e importanti del XX secolo dal punto di vista artistico e che, attraverso 100 opere di grandi e grandissime dimensioni, esplora quegli anni che portarono a un radicale mutamento nel concetto di ‘Arte’, con la cosiddetta “fine delle avanguardie”, con la riscoperta della pittura e con il grande cambiamento dell’intero sistema artistico.
L’evento Gli anni 80. Il trionfo della pittura. Da Schifano a Basquiat verrà inaugurato il 17 ottobre nelle sale del Serrone della Villa Reale e dell’Arengario di Monza, dove sarà visitabile fino al prossimo 14 febbraio.
Curata da Marco Meneguzzo, promossa dal Comune di Monza, col patrocinio della Provincia di Monza e Brianza, l’iniziativa, il cui coordinamento organizzativo e promozione sono stati affidati a Civita, presenterà i lavori dei più importanti protagonisti italiani e internazionali, da Schifano a Ontani, da Schnabel ad Haring, da Paladino a Lupertz, da Barcelò a Basquiat, da Disler a Chia, e molti altri ancora.
Il percorso espositivo analizzerà i principali movimenti di quel periodo e le più conosciute individualità, dalla Transavanguardia italiana ai Nuovi Selvaggi tedeschi, dai graffitisti statunitensi alla Young British Sculpture, dagli Anacronisti ancora italiani alla Figuration Libre francese: circa cinquanta artisti - da Mario Schifano a Mimmo Paladino, Da Francesco Clemente a Luigi Ontani, da Georg Baselitz a Markus Lupertz, da Anselm Kiefer a Helmut Middendorf, da Keith Haring a Jean Michel Basquiat, da Peter Halley a Julian Schnabel, da Miqurel Barcelò a Anish Kapoor a Tony Cragg - rappresenteranno infatti quel discusso periodo attraverso quell’esplosione di colore e di vitalità che furono la pittura e la scultura di quegli anni, che per alcuni simboleggia il riflusso edonistico di quel decennio, per altri il ritorno in forze dell'espressività più autentica e immediata.
Inoltre, accanto a questo ‘cuore’ dedicato all’arte, l’idea è quella di esaminare tutti i rivolgimenti linguistici, sociali e anche politici che hanno fatto di quel decennio un periodo cruciale per la nostra storia e per la storia del mondo.
Il catalogo è di Silvana editoriale.
Gli anni 80. Il trionfo della pittura. Da Schifano a Basquiat
17 ottobre 2009– 14 febbraio 2010
Monza, Serrone della Villa Reale (Viale Brianza, 2) e l’Arengario