Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

“Egitto mai visto” aderisce a “La notte dei Musei”

Sabato 15 maggio 2010 oltre 40 paesi partecipano alla Notte dei Musei, che dal 2005 si svolge con successo in tutta Europa e prevede l’apertura straordinaria fino a tarda notte e con tanti eventi dei Musei coinvolti.
Tra i numerosi spazi culturali italiani, oltre agli ottanta della capitale, durante questa notte sarà aperta anche la mostra Egitto mai visto allestita a Villa Genoese Zerbi a Reggio Calabria, che rimarrà aperta fino alle 2.00 di notte, con un biglietto ridotto a 3 Euro a partire dalle ore 21.00.
La mostra, dopo la prima sede a Trento nel Castello del Buonconsiglio, è giunta a Reggio Calabria, per volontà dell’Amministrazione Comunale, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e della Soprintendenza Archeologica del Piemonte e delle Antichità Egizie, con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri. L’organizzazione è affidata a Civita con la collaborazione di STart.
Il progetto scientifico e la curatela della mostra è dovuta a Elvira D’Amicone e Massimiliana Pozzi Battaglia, della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Piemonte e del Museo Antichità Egizie e della Società Cooperativa Archeologica.
L’esposizione svela i segreti sconosciuti delle necropoli di Assiut e Gebelein. Quattrocento straordinari reperti datati al 2000 a. C. scoperti all'inizio del '900 dal grande egittologo e filantropo Ernesto Schiaparelli e chiusi per un secolo nei depositi del Museo Egizio di Torino.
La mostra ruota intorno ad uno straordinario nucleo di dodici sarcofagi a cassa in legno stuccato e dipinto con iscrizioni che tramandano formule d’offerta e rituali funerari magico-religiosi. In molti casi grazie alla lettura dei geroglifici è possibile svelare i nomi di questi uomini e donne appartenuti alla classe media, amministratori e piccoli proprietari terrieri, vissuti nel Medio Egitto intorno al 2.000 a.C.
Per la prima volta sono esposte circa 40 pareti di sarcofago con geroglifici incisi e dipinti e 10 stele recentemente restaurate, che svelano i segreti della scrittura geroglifica e permettono di conoscere le credenze funerarie e le principali divinità del pantheon egiziano.

Riferimenti

Egitto mai visto. Le dimore eterne di Assiut e Gebelein
21 febbraio – 20 giugno 2010
Reggio Calabria, Villa Genoese Zerbi
Via Zaleuco, 16/18