Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Firenze, prorogate le mostre dedicate agli Uffizi e a Bartolini

Vasari, gli Uffizi e il Duca e Lorenzo Bartolini. Scultore del bello: due mostre che, allestite da Opera Laboratori Fiorentini rispettivamente nelle sale della Galleria degli Uffizi e della Galleria dell’Accademia a Firenze, hanno registrato un tale successo di pubblico da spingere gli organizzatori a prorogarle fino all’8 gennaio 2012.
La prima, che avrebbe dovuto chiudersi il 30 ottobre scorso, ha per oggetto, nel quinto centenario della nascita di Giorgio Vasari, la fondazione degli Uffizi (1559-1560): più che un edificio, un sistema architettonico a scala urbana, risultato di una stretta collaborazione tra il Duca, Cosimo I de’ Medici, e Vasari, il suo artista prediletto.
Promotori della mostra, a cura di Claudia Conforti, Francesca Funis, Antonio Godoli e Francesca de Luca, sono il Ministero per i Beni e le Attività Culturali con la Soprintendenza Speciale per i Beni Artistici e Storici ed Etnoantropologici e per il Polo Museale della città di Firenze, la Galleria degli Uffizi, Firenze Musei e dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.
La mostra invece su Bartolini, la cui chiusura era prevista per lo scorso 6 novembre, è la prima grande mostra monografica dedicata all’artista la cui opera ebbe un ruolo centrale nello sviluppo della scultura dell’Ottocento in Italia, in Europa e negli Stati Uniti.
Promotori dell’esposizione sono il Ministero per i Beni e le Attività Culturali con la Soprintendenza Speciale per i Beni Artistici e Storici ed Etnoantropologici e per il Polo Museale della città di Firenze, la Galleria dell’Accademia, Firenze Musei e l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze. L’allestimento della mostra, curata da Franca Falletti, Annarita Caputo, Ettore Spalletti con la collaborazione di Francesca Ciaravino, è stato ideato e progettato da Magni e Guicciardini e diretto in fase esecutiva da Maria Cristina Valenti.