Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

“I Maestri del Rinascimento” è la Migliore Esposizione dell’Anno in Brasile

La mostra I maestri del Rinascimento. Capolavori italiani ha ricevuto il premio di Migliore Esposizione Internazionale dell’Anno da parte della Associação Paulista dos Críticos de Arte e concorre tuttora per il premio Guia da Folha nelle categorie Melhor Evento do Ano e Melhor Exposição do Ano.
L’esposizione ha registrato la presenza di 317.000 visitatori tra il 13 luglio e il 29 settembre scorsi durante la sua permanenza a San Paolo del Brasile ed è attualmente allestita a Brasilia, presso il Centro Cultural Banco do Brasil, fino al 6 gennaio 2014.
La mostra è stata realizzata da Civita e StArt insieme a Base 7, la società brasiliana con cui Civita ha stabilito un rapporto di stretta collaborazione, che permetterà di realizzare altri eventi espositivi già a partire dal prossimo 2014, in un Paese, il Brasile, che sta vivendo una stagione di sviluppo economico e sociale ed è protagonista di grandi eventi internazionali, con una fortissima crescita della domanda culturale.
L’iniziativa, curata da Cristina Acidini, insieme a Giovanna Damiani, Maria Rosaria Valazzi, Alessandro Del Priori, Stefano Petrocchi, Marcello Toffanello e Marco Bona Castellotti, presenta al pubblico brasiliano e internazionale la straordinaria ricchezza dell’arte italiana nel momento del suo massimo splendore attraverso alcuni capolavori, concessi in prestito dalle maggiori collezioni pubbliche e private, di 50 tra i più grandi maestri del Rinascimento, come Raffaello, Leonardo da Vinci, Michelangelo, Tiziano.
Insieme alle figure degli artisti e ai tratti salienti dei diversi centri rinascimentali, la mostra cerca di far conoscere l’evoluzione che ha caratterizzato un secolo di storia a cavallo del 1500. La mostra propone, quindi, un viaggio nel tempo, alla scoperta dei maestri italiani del Rinascimento e dei loro capolavori, ma è anche un invito a conoscere l’Italia, le sue città, le chiese, i palazzi e i grandi cicli di affreschi, evocati in mostra da un suggestivo filmato.