Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Il laboratorio di Leonardo. I codici, le macchine e i disegni

Dal 13 settembre 2009 al 13 giugno 2010, il Castello Visconteo di Vigevano ospita “Il Laboratorio di Leonardo - i Codici, Le Macchine e i Disegni”, un grande evento, prodotto da Leonardo 3, che propone un’esperienza “totale” su Leonardo da Vinci.
Grazie a tecnologie innovative il pubblico può conoscere i codici più importanti del grande Genio e inedite ricostruzioni fisiche e digitali di strumenti straordinari come la Macchina Volante, il Leone Meccanico, oltre a entrare in contatto con i disegni e i dipinti, elaborati con la tecnologia HyperView.
Per la prima volta i visitatori possono sfogliare virtualmente il Codice Atlantico, il Codice del Volo e il Manoscritto B di Leonardo da Vinci. È dal 1796, anno nel quale furono trafugati da Napoleone, che questi Codici non vengono riuniti assieme. In particolare, l’intervento effettuato sul Manoscritto B risulta di grande importanza storica, in quanto tutte le pagine sono state restaurate digitalmente e si presentano come appena scritte da Leonardo. Non va poi dimenticato che in questo Codice sono contenuti i disegni della cosiddetta Città ideale, da molti identificata con la stessa Vigevano.
Il fascino di questa esposizione è dato dalla sua eterogeneità: ci si trova in maniera imprevedibile dinanzi a straordinari disegni dedicati alla meccanica, all’ingegneria, all’architettura, alla matematica, alla geometria, all’astronomia, alla botanica, alla zoologia, all’anatomia, alle arti militari e alla fisica.
Leonardo ha progettato centinaia di macchine straordinarie. Tra queste, la mostra ripropone la prima ricostruzione in scala reale (tre metri) del Leone Meccanico, costruito per camminare al cospetto del re di Francia e offrigli dei gigli, oltre alle macchine volanti alle quali il genio dedicò gran parte del suo studio: il Grande Nibbio, il Pipistrello Meccanico, la Vite Aerea,l’Uccello Meccanico
Il rapporto che lega il genio del Rinascimento e la città ducale si rinsalda anche con la mostra “Splendori di Corte. Gli Sforza, Il Rinascimento, La Città”, in programma nelle scuderie ducali del Castello, dal 3 ottobre 2009 al 31 gennaio 2010, sui legami tra la città di Vigevano, la signoria sforzesca, la figura di Leonardo da Vinci e le testimonianze artistiche presenti su tutto il territorio lomellino.
Le due mostre, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, sono parte integrante del progetto “Leonardo e Vigevano”, ideato e organizzato da Comune di Vigevano, Provincia di Pavia, Fondazione Banca del Monte di Lombardia e Consorzio A.S.T Agenzia per lo Sviluppo Territoriale, che propone mostre, laboratori interrativi, esperienze multimediali, percorsi storico-ambientali, degustazioni e acquisto di prodotti agricoli, secondo un percorso che coniuga la valorizzazione dei beni culturali con la capacità attrattiva del territorio. Un progetto che intende far conoscere e promuovere l’utilizzo egli strumenti multimediali ed interattivi per valorizzare l’ingente patrimonio storico della città, con l’obiettivo più generale della costituzione di un centro di ricerca dove sviluppare e sperimentare le nuove tecnologie da coniugare a una moderna fruizione dei beni culturali.