Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Il nostro blog accende il dibattito fra i lettori

Il nostro blog in corso Arte contemporanea: è nuova arte? ha decisamente “acceso” il senso critico dei nostri lettori, indispensabile per il successo di un blog.
Nel suo testo il Prof. Antonio Paolucci, Direttore dei Musei Vaticani e Presidente del Comitato Scientifico dell’Associazione Civita, dichiara che “…l’arte contemporanea sta sotto il segno del grande e forse provvidenziale, disordine. I linguaggi espressivi e addirittura gli alfabeti che li sostengono, si sono dissolti. Non c’è più uno stile egemone, non c’è più una cultura figurativa di riferimento, non ci sono più centri o Maestri riconosciuti. … Forse le forme dell’arte contemporanea sono destinate a vivere quanto la contemporaneità. Forse sono contemporanee perché non diventeranno mai antiche. …”.
Decisamente appassionate le risposte e le riflessioni pubblicate dai nostri lettori, in primis quella di Saverio Busiri Vici, appartenente ad una dinastia di architetti che dal 1600 circa si tramandano tale attività, architetto moderno e innovatore di fama internazionale, che fu amico di Le Corbusier ed Alvar Aalto e che da oltre venti anni è Accademico di San Luca. Secondo Busiri Vici “… è il tipo di emozione che è cambiato ./ sensazioni diverse forse da maturare ma valide …”, l’arte contemporanea “… è un attività che viene perseguita per se stessi. a prescindere dagli altri. tanto meglio se poi viene utilizzata./un ritorno a forme d'arte meno sofisticate meno elaborate più sincere. meno di elite più di passione…”.
Ci auguriamo che l’argomento proposto, così come quelli che seguiranno nel nostro blog, possano continuare ad incuriosire e coinvolgere i nostri lettori, stimolando dibattiti qualificati attorno ai temi di maggior interesse e attualità nell’ambito dei beni culturali e della cultura in generale, e diventando sempre più veri e propri appuntamenti di riflessione.
Un ringraziamento particolare a tutti coloro che fino ad ora hanno contribuito ad animare il dibattito e a coloro che vorranno farlo!