Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

In mostra i “bianchi” della maiolica italiana

Circa 130 maioliche italiane di stile compendiario sono le protagoniste della mostra inaugurata il 30 gennaio negli spazi espositivi del Museo dell’Arte Ceramica di Ascoli Piceno e che nasce anche dalla passione collezionistica e dalla ricca tradizione locale ascolana della ceramica.
La scelta di dedicare la mostra, curata da Vincenzo De Pompeis, direttore del Museo della ceramica di Castelli della Fondazione Raffaele Paparella Treccia, alla sola produzione dei “bianchi” deriva dalla notevole eterogeneità ed ampiezza della produzione di maiolica italiana di stile compendiario, che sarebbe difficile documentare in modo esaustivo in un’unica mostra.
L’esposizione, che intende rappresentare le tappe e le ragioni del successo nazionale ed internazionale dei “bianchi”della maiolica italiana realizzati nelle diverse aree di produzione italiane, è promossa e prodotta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, con il contributo della Regione Marche, della Provincia e del Comune di Ascoli Piceno, con la collaborazione dei Musei Civici di Ascoli Piceno. L’evento si è avvalso di un ampio e prestigioso Comitato Scientifico composto dai maggiori studiosi della materia. Il coordinamento organizzativo è stato affidato a Civita.
Con il termine “bianchi” si indica infatti quella innovativa produzione di maioliche bianche e polite - da una definizione del Garzoni del 1588 – che fiorì a Faenza negli anni quaranta del Cinquecento e si diffuse, in pochi lustri, in gran parte del territorio nazionale e all’estero. Le innovative caratteristiche dei “bianchi” – rivoluzionari per forma, tipo di smalto e decori del tipo appunto “compendiari” ovvero essenziali ed eseguiti con rapide pennellate, come nella pittura della Roma imperiale - li resero molto apprezzati oltre che in Italia anche in varie località dell’Europa, dove sorsero specifiche produzioni, talvolta direttamente avviate da ceramisti italiani emigrati.
L’esposizione si sposterà successivamente a Faenza, dov’è in programma al Museo Internazionale delle Ceramiche dal 23 aprile al 22 agosto 2010 e anche a Roma, dove verrà ospitata nei Musei Capitolini, dal 16 settembre al 28 novembre 2010.

Riferimenti

La maiolica italiana di stile compendiario. I bianchi
dal 30 gennaio all’11 aprile 2010
Ascoli Piceno, Museo dell’Arte Ceramica