Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

L’Impressionismo francese: dal Museo d’Orsay a Palazzo Pitti

Una preziosa rassegna di pittura impressionista sarà ospitata a Firenze presso la Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti.
La mostra, realizzata grazie ai prestiti eccezionali del Museo d’Orsay, è stata promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana, la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze, la Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti e Firenze Musei, ed è prodotta e gestita da Opera Laboratori Fiorentini - Civita Group.
Ben 12 capolavori dell’Impressionismo provenienti da Parigi troveranno una nuova cornice espositiva nel Salone da Ballo del Quartiere d’Inverno della Galleria d’arte moderna, a seguito di un reciproco scambio fra i due importanti istituti museali.
La Galleria, infatti, aveva già reso possibile la realizzazione a Parigi della mostra “I macchiaioli. Des impressionistes italiens?”, tenutasi presso il Museo de l’Orangerie (10 aprile - 22 luglio 2013) contribuendo così ad uno scambio culturale capace di evidenziare la sincronicità del sentire e le analogie di ricerca degli artisti francesi e toscani nella seconda metà dell’Ottocento.
Le opere in mostra oggi a Firenze - due Degas, due Monet, due Cezanne, due Renoir, due Pissarro, un Fantin Latour, oltre ad un’opera di Paul Guigou, potrebbero suggerire nuove strade di studio sulle possibilità di una contaminazione tra le culture francese e toscana.
L’esposizione, che tuttavia non intende dare letture critiche ai suoi visitatori, offre un’occasione unica per ammirare dei capolavori del periodo impressionista francese e per riflettere sul pensiero culturale e filosofico che, già sul finire dell’Ottocento, aveva portato a risultati tanto moderni.
Il visitatore, con lo stesso biglietto d’ingresso alla mostra, potrà vedere non soltanto la collezione stabile della Galleria d’arte moderna, ma anche l’esposizione “Ottocento Novecento. Acquisizioni 2008-2012” presso l'Andito degli Angiolini dove, a fine ottobre, avrà luogo una personale del pittore Possenti, a cura di Antonio Paolucci.
Tutte queste iniziative, insieme alle visite guidate gratuite nel quartiere della Duchessa d’Aosta ( ogni martedì fino al 17 dicembre), documentano un autunno molto intenso di eventi culturali promosso dalla Galleria d'arte moderna di Palazzo Pitti.

Riferimenti

Impressionisti a Palazzo Pitti. 12 Capolavori dal Museo d’ Orsay
24 settembre 2013 – 5 gennaio 2014
Firenze, Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti