Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Oltre 200 opere di Gemito in mostra a Napoli

Vincenzo Gemito, "La zingara", 1885, Napoli Museo Pignatelli, Coll. Intesa Sanpaolo

A Vincenzo Gemito, uno dei protagonisti della scultura europea tra Ottocento e Novecento, è dedicata la mostra che si inaugura il prossimo 29 marzo al Museo Pignatelli di Napoli.
La mostra Gemito, posta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, è progettata e realizzata dalla Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico, Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Napoli, promossa dalla Regione Campania-Assessorato al Turismo e ai Beni Culturali - progetto Cofinanziato con i fondi PO FESR CAMPANIA 2007-2013 Obiettivo OPERATIVO 1.9, dalla Provincia di Napoli-Assessorato ai Beni Culturali, dal Comune di Napoli-Assessorato al Turismo e Grandi Eventi; con il contributo di Intesa Sanpaolo Banco di Napoli, Amici di Capodimonte. E’ previsto inoltre il contributo della Compagnia di San Paolo.
L’organizzazione e la promozione dell’esposizione sono state affidate a Civita.
Le esposizioni dedicate a Gemito sono state rarissime: degne di rilievo quella del 1953 al Palazzo Reale di Napoli e la selezione presentata a Spoleto, nel 1989, nell’ambito del Festival dei Due Mondi.
Presentare, quindi, a distanza di anni, una rassegna ampia e articolata della produzione di Gemito, costituisce senz’altro un’occasione unica per riscoprire e far conoscere un grande esponente delle arti e della civiltà a Napoli tra Otto e Novecento, documentando anche aspetti poco noti della sua attività, come le piccole sculture cesellate, con ossessiva precisione, in metalli preziosi, secondo metodi sperimentali di grande modernità, ma al tempo stesso eredi di una lunga e fortunata tradizione locale, che affondava le sue radici fin in età ellenistico-romana.
La mostra, visitabile fino al 5 luglio 2009, dà la possibilità di ammirare oltre duecento opere dell’artista, attivo a Napoli tra il 1868 e il 1925, anno della sua scomparsa. Dalle terrecotte giovanili, di prodigiosa precocità, fino ai superbi bronzi della maturità, oltre a circa ottanta tra i disegni più significativi dell’artista, realizzati a penna, matita, carboncino, seppia, acquerello. Le opere esposte provengono da raccolte pubbliche e private, italiane e straniere.
Il catalogo è edito da Electa Napoli.

Riferimenti

Gemito
dal 29 marzo al 5 luglio 2009
Napoli, Museo Pignatelli
Riviera di Chiaia, 200

Orari: tutti i giorni dalle 9.00 alle 14.00; venerdì e sabato 9.00-20.00; martedì chiuso. (La biglietteria chiude un’ora prima
Biglietti: Integrato: € 6,00; Ridotto: € 3,00, applicabile a tutte le categorie che usufruiscono delle riduzioni di legge per il Museo in base alla normativa vigente nonché per coloro che usufruiscono delle riduzioni di legge e per i possessori di biglietto d’ingresso di Duca di Martina, Capodimonte, San Martino, per le aziende che hanno sostenuto finanziariamente e promozionalmente la realizzazione della mostra, gruppi di minimo 15 e massimo 30 persone con prenotazione obbligatoria. Gratuito: per tutte le categorie previste dalla vigente normativa.

Gallery