Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Palermo, Foresta Urbana e la salvaguardia del patrimonio naturalistico

Il 27 ottobre ha aperto al pubblico a Palermo la mostra Foresta Urbana, ospitata nelle sale di Palazzo Belmonte Riso. La mostra è Patrocinata dall’Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana / Palermo Capitale della Cultura 2018, promossa e realizzata dalla Fondazione Cultura e Arte, emanazione della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, in collaborazione con la Città di Palermo, e progettata dal Polo Museale d'Arte Moderna e Contemporanea di Palermo. A Civita Sicilia è affidata l’organizzazione.
Alcuni dei principali protagonisti della scena artistica internazionale sono stati invitati dal curatore Paolo Falcone a esporre grandi opere in situ, collegate tra di loro in maniera tale da creare un percorso e un circuito tra i luoghi espositivi, che interpretino e declinino il concetto di Foresta Urbana, dialogando con le prestigiose sedi di Piazza Bologni, Palazzo Belmonte Riso.
Il progetto vuole costruire una costellazione di espressioni linguistiche, una foresta di interpretazioni della natura attraverso la visione che oggi gli artisti hanno assunto nel nuovo millennio. La selezione degli artisti si è focalizzata su coloro per i quali l’interpretazione della natura e la sua manipolazione hanno fornito elementi compositivi originali nel formulare nuovi codici estetici e di rappresentazione.
Il Presidente della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele, che ha fortemente voluto e sostenuto questo progetto, afferma: «Il rapporto tra uomo e natura, tra natura e cultura, è sempre stato una costante dell’arte, fin dagli albori delle prime manifestazioni espressive dell’essere umano. I primi uomini hanno rappresentato il mondo circostante in ogni modo, utilizzando le più varie forme espressive a loro disposizione, e così è sempre stato nel corso della Storia. L’arte che oggi definiamo “contemporanea” – benché personalmente io ritenga che l’arte sia un fluire incessante e continuo, che sfugge ad ogni catalogazione o settorializzazione – non fa eccezione, caricando questo indissolubile rapporto tra arte e natura di nuovi, urgenti significati: in un mondo in cui l’ambiente è sempre più maltrattato e minacciato, diviene imprescindibile assumere un nuovo impegno morale, attraverso la forza comunicativa dell’arte, che rinnovi e corrobori il rapporto indissolubile tra uomo e natura. Ecco perché ho voluto con determinazione questa mostra, benché io non possa tacere il mio sincero disappunto per non essere riuscito – a causa dell’inspiegabile, mancata concessione da parte dell’autorità pubblica delle necessarie autorizzazioni – a realizzare in pieno, così come avevo ipotizzato, una mostra diffusa, che portasse nella vecchia Palermo, in particolare nel caratteristico quartiere del Cassaro, una foresta ideale fatta di opere d’arte. Abbiamo dovuto purtroppo rinunciare a molte installazioni esterne, che nella mia idea originaria avrebbero dovuto costellare tutta Via Vittorio Emanuele fino al mare, ma la mostra alla fine ha visto la luce, e dà comunque vita ad una selva post-moderna creata dai maggiori artisti oggi operanti sulla scena internazionale, in un dialogo che vuole essere costruttivo e salvifico non soltanto con l’architettura e la storia della città, ma anche e soprattutto con la nostra tormentata società, con l’umanità smarrita del Terzo Millennio.».

 

Per ulteriori informazioni:
www.poloartecontemporanea.it   
www.fondazioneterzopilastrointernazionale.it
www.palermocapitalecultura.it
www.civita.it 

 

Riferimenti

FORESTA URBANA
Palermo, 27 ottobre 2018 - 20 gennaio 2019
Piazza Bologni, Palazzo Belmonte Riso