Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

“Palladio 500 anni” premiata dal pubblico e dalla critica

Andrea Palladio, Teatro Olimpico

Oltre 95.317 presenze per Palladio. Un numero due volte superiore alle previsioni fatte alla vigilia dell’inaugurazione della mostra Palladio 500 anni. La grande mostra ospitata a Vicenza, dove l'8 gennaio si è svolta la Conferenza Stampa di presentazione dei dati conclusivi dell’iniziativa. Un successo senza precedenti in Italia per una mostra di architettura che conferma come quella allestita a Palazzo Barbaran da Porto (dal 20 settembre 2008 al 6 gennaio 2009) per i 500 anni del grande architetto sia stata premiata e apprezzata dal pubblico.
Non meno che dalla critica, vista la quantità e qualità dei servizi che i media scritti, televisivi radiofonici di tutto il mondo hanno riservato a Palladio, a Vicenza e alle celebrazioni palladiane. Raramente, o forse mai, una mostra italiana ha goduto di un seguito così ampio sui media di così tanti Paesi del mondo, culminato con un’ora di servizio speciale diffuso dalla BBC servizio nazionale il 17 dicembre e replicato su BBC International.
La prima edizione del catalogo (6.500 copie in mostra e in libreria) è andata esaurita già prima delle Festività, e la seconda edizione (1.000 copie) è stata bruciata nelle ultime settimane di mostra, tanto che si sta stampando la terza, segno che i visitatori non solo hanno apprezzato la mostra ma hanno anche ritenuto utile approfondire i temi in essa trattati al punto da decidere di acquistare il poderoso catalogo. Numeri che andranno a sommarsi con le 7.000 copie della versione in inglese del catalogo, approntata per la mostra londinese e per il mercato americano.
Molto apprezzata anche una novità proposta da questa mostra: le visite guidate a porte chiuse, ovvero organizzate dopo l’orario di chiusura per gruppi o aziende. Sono state più di 50 le realtà non solo vicentine che hanno acquistato questo esclusivo servizio per i loro dipendenti o clienti, con indubbio beneficio sul bilancio della mostra.
Dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che l’ha inaugurata, all’ex ct nazionale Azeglio Vicini, sono state davvero numerose le personalità che hanno voluto programmare una visita alla mostra. Molti i politici, dal Ministro ai beni culturali Bondi, al Ministro alla funzione pubblica Brunetta, al Vicepresidente della Camera Leone, all'ex Ministro Enrico Letta così come di gran livello è stato l'omaggio di archistar internazionali al grande predecessore: da Rafael Moneo ad Arata Isozaki.
Tra le molte visite illustri quella di Lord Sainsbury, il mecenate che con una donazione di 50 milioni di euro ha finanziato la costruzione della nuova ala della National Gallery di Londra, e che ha accompagnato a Vicenza, in forma assolutamente privata, un ristrettissimo gruppo di amici della grandissima aristocrazia nobiliare e economica britannica. O quella del magnate palestinese Al Masri, che ha fatto realizzare a Nablus, in Palestina una copia perfetta della Rotonda palladiana.
Assolutamente positivi i commenti, a partire da quello di Vittorio Sgarbi che ha definito Palladio 500 anni come “la più bella mostra di architettura che io abbia mai visto” o di Philippe Daverio che registrando a Palazzo Barbaran da Porto una puntata di Passpartout prossimamente in onda ha utilizzato la definizione di “mostra di rara intelligenza”. La BBC ha mandato in onda il 17 dicembre uno speciale di un'ora dedicato a Palladio.
“Sono molto grata a tutti coloro che hanno contribuito al successo della mostra - dice Amalia Sartori, presidente del CISA Andrea Palladio - a partire dal Presidente Napolitano che l'ha tenuta a battesimo, alle Istituzioni Regionali, provinciali e vicentine, alla Fondazione Cariverona, al Consorzio "Vicenza è" e a tutti gli sponsor. Un grazie particolare ai visitatori che l’hanno scelta: un pubblico vasto, non di specialisti ma per larga parte formata da gente comune. Da domani il nostro impegno sarà quello di fare in modo che tale patrimonio di contatti non vada disperso, ma diventi il motore di future iniziative”.
Chiusi i battenti a Vicenza, “Palladio 500 anni” si appresta ad iniziare un tour che la porterà dapprima in Gran Bretagna, dove verrà inaugurata a Londra il prossimo 27 gennaio a Piccadilly, nella prestigiosa sede della Royal Academy, poi in Spagna a Barcellona (Caixa Forum dal 19 maggio) e a Madrid (Caixa Forum dal 10 ottobre). Nel frattempo si stanno precisando condizioni e tempi per il finale negli Stati Uniti nel 2010.
Tutte iniziative che confermano come Palladio sia, ancora di più grazie agli eventi di questo centenario, il più grande architetto classico di tutti i tempi.