Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Paolo Ricci prorogato al 19 ottobre

Paolo Ricci, "Ilva", 1929

La mostra dedicata a Paolo Riccie allestita a Napoli nella Sala Carlo V di Castel Nuovo chiuderà il 19 ottobre anziché il 29 settembre 2008. A circa venti anni dalla scomparsa di Ricci, la mostra documenta l’opera e i molteplici interessi di un artista e di un intellettuale che ha rappresentato un importante punto di riferimento per la realtà di Napoli sin dagli anni trenta.
Dalla pittura alla scenografia, dalla fotografia al teatro, Paolo Ricci non si è limitato al fare arte, ma, in quanto artista-critico o critico artista non ha mai separato la teoria dall’arte, occupandosi di teatro, di cinema, di folklore e di canzone. La sua riflessione teorica si è concretizzata, inoltre, in una intensa produzione saggistica ed in un impegno giornalistico costante.
La mostra, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, è curata da Mario Franco e Daniela Ricci, promossa dalla Regione Campania e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli ed organizzata da Civita.
Circa 90 opere esposte in ordine cronologico, partendo dagli anni ’20 alla fine degli anni ’70, documentano l’opera di Paolo Ricci, esponendo i dipinti indicativi delle diverse fasi della sua ricerca: dalla partecipazione ai movimenti d’avanguardia al più accentuato espressionismo del vedutismo e dei ritratti, fino al periodo neorealistico del dopoguerra e a quello iperrealistico e neometafisico tra gli anni ’60 e ’70.
Al percorso pittorico si affianca la documentazione della sua esperienza scenografica e fotografica: bozzetti scenografici realizzati in particolare per Raffaele Viviani e per il Teatro San Carlo di Napoli; la sua produzione fotografica, che, tra l’altro, testimonia i suoi rapporti con artisti e letterati di tutto il mondo: da Max Ernst a Pablo Neruda, da Nazim Hikmet a Eduardo De Filippo, da Paul Eluard a Joris Ivens, Stephen Hermlin, Nicolas Guillen, fotografati spesso come ospiti nel suo studio di Villa Lucia.

Gallery