Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Pintoricchio a Roma, protagonista del Rinascimento

Pintoricchio, "Esequie di San Bernardino", particolare cappella Bufalini, Roma

Sulla scia del successo dell’esposizione che fino a domenica 15 giugno ha portato oltre 156.300 visitatori, con una media giornaliera di 1.160 ingressi, ad ammirare i capolavori del Pintoricchio, a Perugia e a Spello, il Comitato Nazionale per le celebrazioni del 550° anniversario della nascita del protagonista del Rinascimento italiano prosegue le iniziative culturali con la presentazione di “Pintoricchio – Itinerario romano”.
L’iniziativa è stata presentata a Roma, con una conferenza stampa svoltasi il 17 giugno nella Sala Majoli del Complesso di San Michele, da Francesco Buranelli, Presidente del Comitato Nazionale, Vittoria Garibaldi, curatrice della mostra del Pintoricchio, Claudio Strinati, Soprintendente per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Roma, Roberto Cecchi, Direttore Generale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
Alla conferenza è intervenuta anche Claudia La Malfa dell’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, curatrice della guida dei luoghi pintoricchieschi a Roma realizzata ad hoc per l’occasione. Si tratta della proposta culturale di un “breve” itinerario capace di promuovere una più capillare presentazione del patrimonio romano legato al nome del grande pittore, e di offrire, allo stesso tempo, radicali novità circa la cronologia dell’attività svolta dal Pintoricchio nella città papalina tra fine XV e inizio XVI secolo, che ne fanno l’interprete principale della riscoperta dell’antico e artista di grande successo.
“Lo studio – come spiega Francesco Buranelli – permette di ricostruire tutta l’attività romana dell’artista, (…) facendo emergere la parabola ascendente del pittore (…) chiamato a Roma al servizio di eminenti personaggi della Curia quali il cardinale Domenico della Rovere – per il quale dipingerà la cappella di San Girolamo a Santa Maria del Popolo e il palazzo della Rovere in Borgo – o il cardinale Giuliano della Rovere, che gli affiderà la decorazione della loggia del palazzo ai Santi Apostoli, oggi conosciuto come palazzo Colonna. (…)”. “Il visitatore, - afferma il Presidente - se avrà la costanza di ripercorrere questo fantastico viaggio nel tempo sulle orme del Pintoricchio, potrà rendersi conto di come (…) il pittore umbro fu un protagonista del suo tempo (…)” nella Roma tra la fine del ‘400 e l’inizio del ‘500.
Per la presentazione dell’iniziativa Civita Servizi ha curato l’ufficio stampa, avendo già curato l’organizzazione e la comunicazione della mostra in Umbria.

Riferimenti

Palazzo dei Penitenzieri
Roma, via della Conciliazione, 33

Orario: tutti i giorni dalle 14.00 alle 17.30
Prenotazione: tel. 06-6828121

Gli altri luoghi, chiese e musei, osservano il consueto orario di apertura.

Gallery