Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

“Raffaello e Urbino”, un successo annunciato

Raffaello, "Busto di angelo"

Quasi 115.000 visitatori (114.883 al 24 giugno scorso) ed una media giornaliera di 1.401 per la mostra Raffaello e Urbino inaugurata lo scorso 4 aprile nelle sale di Palazzo Ducale della Galleria Nazionale delle Marche ad Urbino e dedicata al giovane Raffaello e al suo rapporto con la cultura rinascimentale di quella città.
Prosegue, quindi, il grande successo di pubblico per questa mostra che riconduce al padre Giovanni Santi e all’ambiente artistico e culturale di Urbino nel secondo Quattrocento la vera formazione giovanile dell’artista, dimostrando l’infondatezza del racconto di Vasari sulla bottega di Perugino.
Curata da Lorenza Mochi Onori, Soprintendente per i Beni Storici Artistici e Etnoantropologici delle Marche, la mostra si avvale di un prestigioso Comitato scientifico internazionale ed è promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici delle Marche, Soprintendenza per i Beni Storici Artistici e Etnoantropologici delle Marche, dalla Regione Marche, dalla Provincia di Pesaro-Urbino, dal Comune di Urbino e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro. L’organizzazione è affidata a Gebart in collaborazione con Civita.
La forte presenza di visitatori, che conferma l’unanime consenso della critica sulla straordinaria importanza dell’evento, non si limita alla visita alla mostra ma anche alle sale della Galleria Nazionale della Marche che, nel frattempo, ha raggiunto un incremento molto forte nella storia della Galleria. Il successo della mostra si riscontra anche nell’aumento delle presenze sul territorio, in particolare nella Casa natale di Raffaello e alla Chiesa di San Domenico a Cagli, parti integranti del percorso espositivo.
Una mostra che è inoltre il miglior pretesto per scoprire uno degli angoli più belli d’Italia, nel nord delle Marche. Urbino e il territorio del Montefeltro offrono una ricchezza eccezionale di rocche, castelli, piccoli musei, teatri, opere d’arte, e poi una natura meravigliosa e una tradizione gastronomica di altissimo livello.
Il catalogo è edito da Electa.

Riferimenti

Raffaello e Urbino
4 aprile – 12 luglio 2009
Urbino, Galleria Nazionale delle Marche, Palazzo Ducale
Piazza Duca Federico, 106

Sito internet: www.raffaelloeurbino.it