Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Roma, le Avanguardie Russe al nuovo spazio espositivo dell’Ara Pacis

Vladimir Kandinskij, "Mosca. Piazza Rossa, 1916", Mosca, Galleria Statale Tret'jakov

Inaugura oggi presso il nuovo spazio espositivo dell’Ara Pacis la mostra “Avanguardie Russe”, circa 70 capolavori dei più grandi artisti russi del secolo scorso, tra cui Kandinskij, Malevich, Chagall, Rodchenko, Goncharova, Larionov, Lentulov, provenienti da importanti musei quali la Galleria statale Tret’jakov e da musei regionali russi poco conosciuti dal grande pubblico come quelli di Kazan, Kirov, Krasnodar, Saratov, Samara.
La mostra è promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali di Roma Capitale in collaborazione con l’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana della Regione Siciliana e con State Museum and Exhibition Center Rosizo ed è a cura di Victoria Zubravskaya con il coordinamento tecnico-scientifico di Federica Pirani. Il coordinamento organizzativo è di Civita e Zètema Progetto Cultura.
La mostra è scandita da otto sezioni tematiche in cui sono presentati in un unico progetto espositivo i protagonisti del grande movimento avanguardista russo e dedicate a: “Kazimir Malevich: dal cubofuturismo al suprematismo”, “Vasilij Kandinskij. Dal paesaggio stilizzato all’astrattismo”, “Marc Chagall”, “Mikhail Larionov e Natalia Goncharova”, “Fante di quadri, cézannismo e post-impressionismo”, “Cubofuturismo”, “Astrattismo”, “Costruttivismo”.
Dopo il successo della tappa palermitana, promossa dall’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana della Regione Siciliana e realizzata in collaborazione con Civita, l’esposizione arriva a Roma accresciuta di 7 nuove opere: Lo spazzino e gli uccelli di Chagall per la prima volta Italia ed altre significative opere di Malevich ( La mietitrice e Suprematismo. Composizione non-oggettiva), le suggestive tele di Kandinskij ( Meridionale, Muro rosso. Destino e Composizione. Ovale grigio) e Composizione non-oggettiva di Rozanova.
A corredo dell’esposizione sono presentati in mostra alcuni video con filmati d’epoca che raccontano il contesto storico in cui sono nate le avanguardie attraverso approfondimenti dedicati alla storia, al cinema, alla letteratura, all’ architettura e al teatro.
La mostra è infine arricchita da un’installazione firmata dall’artista Pablo Echaurren che intende comunicare ai visitatori quanto le avanguardie influenzarono tutte le arti dal teatro al cinema, dalla letteratura alla musica.

Riferimenti

Avanguardie Russe
5 aprile - 2 settembre 2012
Roma, Nuovo spazio espositivo dell’Ara Pacis
Lungotevere in Augusta