Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Siena, il Pavimento del Duomo. Scopertura straordinaria

In occasione dell’Anno Santo, l’Opera della Metropolitana di Siena, offre ai visitatori di tutto il mondo una grande opportunità: la scopertura del Pavimento del Duomo di Siena dal prossimo 29 giugno fino al 31 luglio, che si aggiunge a quella consueta dal 18 agosto fino al 26 ottobre. Si tratta della prima occasione di visita al pavimento anche nei giorni del Palio dedicato alla Madonna di Provenzano, un’ulteriore opportunità per i numerosi visitatori presenti in città per la Festa senese.
L’iniziativa, organizzata da Opera-Gruppo Civita, valorizzare il percorso giubilare Maria Mater Gratiae, Mater Misericordiae, già attivo presso il Complesso museale del Duomo di Siena e che vede come opera simbolo La Madonna col Bambino e quattro cherubini di Donatello. «Ivi dimando Misericordia»: questa è l’iscrizione, significativa per la tematica giubilare, presente nella tarsia collocata dietro l’altare maggiore del Duomo e che si unisce ai quattro tondi allegorici raffiguranti le virtù cardinali. 
La Cattedrale conserva il Pavimento a commesso marmoreo, un capolavoro unico, non solo per la tecnica utilizzata e la sua organicità, ma anche per il messaggio delle figurazioni, un invito costante alla ricerca della Sapienza.
Abitualmente, il prezioso tappeto di marmo è protetto dal calpestio dei fedeli, ma ogni anno, per alcuni mesi, viene “scoperto” all’ammirazione costante e in progressiva crescita dei visitatori. È il risultato di un complesso programma iconografico realizzato attraverso i secoli, a partire dal Trecento fino all’Ottocento. La tecnica adoperata durante i secoli passati è quella del graffito e del commesso con marmi di provenienza locale come il broccatello giallo, il grigio della Montagnola, il verde di Crevole e il rosso di Gerfalco. 
I cartoni preparatori per le cinquantasei tarsie furono disegnati da importanti artisti, quasi tutti “senesi”, fra cui il Sassetta, Domenico di Bartolo, Matteo di Giovanni, Domenico Beccafumi, oltre che da un pittore “forestiero” come l’umbro Pinturicchio, autore, nel 1505-1506, del celebre riquadro con il Monte della Sapienza, raffigurazione simbolica della via verso la Virtù come raggiungimento della serenità interiore. 
Il percorso completo nel Complesso monumentale del Duomo di Siena permette di visitare, oltre il Pavimento in cattedrale, anche il Museo dell’Opera.
La visita al Pavimento può essere effettuata sia con audiovideoguide multimediali che permettono l’ascolto del testo-guida e la visione dei particolari delle tarsie, sia con guide autorizzate.

Info e booking: opasiena@operalaboratori.com, tel. 0577.286300

Riferimenti

Ivi dimando Misericordia
Scopertura straordinaria del pavimento in occasione del Giubileo della Misericordia
29 giugno – 31 luglio 2016
18 agosto – 26 ottobre 2016
Siena, Cattedrale di Siena