Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Un appello per salvare Civita di Bagnoregio

Il 19 maggio scorso è stato presentato, presso la Sala Gianfranco Imperatori dell’Associazione Civita, l’appello promosso dal Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti con il progetto ABC Arte Bellezza Cultura per salvare Civita di Bagnoregio e la Valle dei Calanchi che la circonda, e per tentare di sottrarre "la città che muore" dall'assalto delle calamità, degli agenti atmosferici e dall'incuria che rischiano di mettere a repentaglio la storia millenaria e la bellezza di questi luoghi. Un progetto ambizioso, dunque, volto a richiamare l'attenzione generale e internazionale, dalle istituzioni all'Unesco, nella tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico, come recita l'Articolo 9 della Costituzione. A seguito delle frane degli ultimi mesi – la più recente solo pochi giorni fa – un’azione significativa in tal senso si è rivelata della massima urgenza; il tema, del resto, investe la coscienza di quanti abbiano a cuore non solo il passato ma soprattutto il futuro del Paese e di una Regione come il Lazio.
All’incontro, oltre al Presidente Zingaretti, hanno preso parte il sindaco di Bagnoregio Francesco Bigiotti, il presidente della Cabina di Regia Expo 2015 per la Regione Lazio Albino Ruberti, il direttore dell'Agenzia Regionale del Turismo del Lazio Gianni Bastianelli, il direttore generale dell'Azienda Romana Mercati Carlo Hausmann, il direttore generale di Lazio Innova Andrea Ciampalini, l'amministratore unico dell'Arsial Antonio Rosati e alcuni firmatari dell'Appello. Tra questi ultimi, molti nomi noti: dall’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al regista Giuseppe Tornatore fino all’oncologo Umberto Veronesi. Un’iniziativa che non può che essere sostenuta con forza dall’Associazione Civita, le cui origini ed il nome stesso risalgono ad un progetto del 1987 volto alla difesa e alla valorizzazione del borgo di Civita di Bagnoregio: “Sono orgoglioso – afferma il Presidente di Civita Gianni Letta - a nome dell’Associazione di sottoscrivere questo importante appello nella speranza che questo borgo non sia più definito come “il paese che muore”, come lo chiamò lo scrittore Bonaventura Tecchi, ma divenire modello di futuro sostenibile dove la cura del bello, della storia e della nostra identità possa unirsi allo sviluppo del territorio”.