Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Uomo Vitruviano. L’icona della civiltà occidentale in mostra a Venezia

Leonardo da Vinci, "Uomo vitruviano" (elaborazioni grafiche  per evidenziare: i rapporti vitruviani di un piede e di una testa, dalla base del collo all’attaccatura dei capelli, pari a un sesto dell’altezza di un uomo)

L’ Uomo Vitruviano, il celeberrimo disegno di Leonardo da Vinci, diventato ormai l’icona della civiltà occidentale, verrà nuovamente esposto nelle Gallerie dell’Accademia di Venezia (dove è conservato fin dal 1822) a partire dal prossimo 10 ottobre e dopo sette anni dalla sua ultima esposizione al pubblico.
Infatti, in occasione dell’evento Leonardo. L’Uomo Vitruviano fra arte e scienza, la cui comunicazione è stata affidata a Civita tre Venezie , si potrà nuovamente ammirare il disegno che rappresenta uno studio di proporzioni del corpo umano inserito nel cerchio e nel quadrato, le figure geometriche perfette, secondo Platone.
Si tratta di un progetto finanziato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali che riguarda dieci musei tra i più importanti d’Italia, e all’interno del quale verrà sviluppato un percorso dedicato ai disabili visivi con supporti didattici studiati appositamente e predisposti dall’Università IUAV di Venezia.
Il sito web del progetto dedicato all’evento, permetterà al pubblico di inserire le immagini del celebre disegno di cui è a conoscenza, documentandone così la fortuna iconografica e creando nel tempo una vera e propria galleria fotografica.
A conclusione della mostra si terrà a Venezia una giornata di studi sul tema “Leonardo. L’uomo vitruviano fra arte e scienza” cui parteciperanno studiosi di discipline storiche, artistiche, matema­tiche, psicologiche e antropologiche.
Il disegno nella critica non ha ricevuto altro che sporadici commenti: gli storici dell’arte lo con­siderano piuttosto un’illustrazione scientifica e gli storici della scienza lo ritengono privo di vero contenuto innovativo. Resta aperto, quindi, il problema dell’interpretazione.
Le ipotesi più recenti sono documentate nel catalogo edito da Marsilio Editori a cura di Anna­lisa Perissa Torrini, che si avvale di contributi di storici dell’arte (Pietro C. Marani e Domenico Laurenza), architetti (Malvina Borgherini), filosofi (Stefano Maso), musicisti (Nicola Cisternino), fisici (Alba Zanini e Ruggero Pierantoni), restauratori (Loretta Salvador) e matematici (Rocco Sinisgalli).

Leonardo. L’Uomo Vitruviano fra arte e scienza
dal 10 ottobre 2009 al 10 gennaio 2010
Venezia, Gallerie dell’Accademia
Dorsoduro 1050, Campo della Carità