Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Walter Bonatti. Fotografie dai grandi spazi

Lo scorso 13 novembre, a Milano, è stata aperta al pubblico la mostra Walter Bonatti. Fotografie dai grandi spazi, ospitata nelle sale di Palazzo della Ragione Fotografia, il nuovo spazio espositivo interamente dedicato alla fotografia in Piazza dei Mercanti, a due passi da Piazza Duomo.
Si tratta della prima mostra mai dedicata a Walter Bonatti, uno dei più grandi fotografi italiani nonché grande esploratore e pensatore scomparso nel 2011. L’iniziativa, a cura di Alessandra Mauro e Angelo Ponta ed in collaborazione con l’archivio Bonatti, è promossa e prodotta dal Comune di Milano - Cultura, Palazzo della Ragione, Civita, Contrasto e GAmm Giunti.
L’esposizione ripercorre, con l’ausilio di video, di documenti inediti e di un allestimento particolarmente coinvolgente, il racconto visivo, le vicende esistenziali e le avventure dell’alpinista ed esploratore italiano.
Le immagini in mostra testimoniano oltre 30 anni di viaggi alla scoperta dei luoghi meno conosciuti e più impervi della Terra e raccontano una passione travolgente per l’avventura insieme alla straordinaria professionalità di un grande reporter.
È difficile separare il ricordo di Walter Bonatti da quello delle sue fotografie. Ed è sorprendente scoprire quanto la sua figura e le sue imprese siano radicate nella memoria di un pubblico tanto differenziato per età e interessi. La persistente popolarità di Bonatti ha più di una spiegazione. Imparò a fotografare e a scrivere le proprie avventure con la stessa dedizione con cui si impadronì dei segreti della montagna: alpinista estremo, spesso solitario, ha conquistato l’ammirazione degli uomini e il cuore delle donne, affascinando nello stesso tempo l’immaginario dei più giovani.
Il mestiere di fotografo per grandi riviste italiane lo portò a cercare di trasmettere la conoscenza di luoghi estremi del nostro pianeta. Al tempo stesso, non smise mai di battersi con forza per tramandare la vera storia, troppe volte nascosta, della conquista del K2 e del tradimento dei compagni di spedizione.
Il talento per la narrazione, l’amore per le sfide estreme, l’interesse per la fotografia come possibilità di scoprire e testimoniare per sé e per gli altri. Una passione, e probabilmente anche un’esigenza, nata già negli anni dell'alpinismo (con i trionfi e le amarezze che li segnarono), con le foto scattate sulle pareti più difficili, e poi consolidata nel tempo, con i racconti d’imprese affascinanti e impossibili.
La mostra partecipa a Milano Cuore d’Europa, il palinsesto culturale multidisciplinare dedicato alle figure e i movimenti che, con la propria storia e la propria produzione artistica, hanno contribuito a costruire la dimensione culturale dell'identità europea.

In occasione delle festività natalizie la mostra rispetterà le seguenti aperture:
Mercoledì 24 dicembre: 9.30 – 14.30
Giovedì 25 dicembre: 14.30 – 18.30
Venerdì 26 dicembre: 9.30 – 20.30
Mercoledì 31 dicembre: 9.30 – 14.30
Giovedì 1° gennaio 2015: 14.30 – 22.30
Lunedì 5 gennaio 2015: 9.30 – 20.30
Martedì 6 gennaio:9.30 - 20.30

Riferimenti

Walter Bonatti. Fotografie dai grandi spazi
Milano, 13 novembre 2014 – 8 marzo 2015
Palazzo della Ragione Fotografia